Cuginette stuprate, il legale: «La priorità è tutelare le due ragazzine»

L’avvocato: chiediamo il massimo riserbo e la massima cautela

«La priorità è tutelare le due ragazzine che non hanno compiuto neppure 13 anni: per questo dobbiamo evitare possibili fughe di notizie e soprattutto la vittimizzazione delle due minori». Lo sottolinea, in una nota, l’avvocato Clara Niola, legale di una delle due famiglie delle ragazzine abusate nel Napoletano.

Pubblicità

«Come avvocato di una delle due famiglie coinvolte nelle triste vicenda di cronaca che vede protagoniste due minorenni di Caivano, – spiega l’avvocato Niola – ribadisco la volontà dei miei assistiti di non voler rilasciare alcuna intervista. Noi ci siamo fidati ed affidati all’Autorità giudiziaria e, seppur con dolore, abbiamo accettato il provvedimento adottato dal Tribunale per i Minorenni», di mantenere la ragazzina in una struttura protetta.

«E’ la minore – continua l’avvocato – ad essere al centro dei pensieri dei suoi genitori e dell’attività difensiva e pertanto ci siamo resi, sin da subito, disponibili ad una collaborazione sinergica con tutti gli uffici di Procura a vario titolo coinvolti. Ciò che dobbiamo evitare – ribadisco come legale – non è soltanto una fuga di notizie, ma anche (e, direi, soprattutto) una vittimizzazione secondaria di entrambe le minori che verrebbero ancor più traumatizzate laddove la vicenda venisse ulteriormente portata alla ribalta delle testate giornalistiche».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Chiediamo – conclude il legale – pur nel rispetto dell’esercizio del diritto di cronaca, il massimo riserbo e la massima cautela specie per garantire agli organi inquirenti lo svolgimento di tutte le necessarie attività di indagine».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Napoli, passato il clamore la ‘nuova’ linea 6 già delude: arrivano i «problemi tecnici»

A meno di 24 ore dall'inaugurazione si presentano i primi disagi per gli utenti Ieri il Comune di Napoli ha celebrato con grande enfasi l’inaugurazione...

Mazzarella e Contini, la guerra sfiorata per una cassa di sigarette

Il racconto del collaboratore Salvatore Giuliano: eravamo pronti a combattere, poi un summit risolse la questione Una cassa di sigarette scaricata in un territorio ostile,...