Arrestata Rosalia Messina Denaro: accusata di aver favorito la latitanza del fratello Matteo

Avrebbe gestito la cassa e i pizzini per il capomafia

Arrestata dai carabinieri del Ros la sorella del capomafia Matteo Messina Denaro, Rosalia, che è accusata di associazione mafiosa. Avrebbe favorito, secondo la procura guidata da Maurizio De Lucia, la latitanza del fratello, la circolazione dei ‘pizzini’ e la gestione delle ampie risorse economiche.

Pubblicità

Il provvedimento a carico della sorella del boss catturato il 16 gennaio scorso dopo 30 anni di latinanza a Palermo, è stato disposto dal gip Alfredo Montalto, che ha accolto la richiesta del procuratore De Lucia e dell’aggiunto Paolo Guido. In azione i Ros, i carabinieri del Comando provinciale di Trapani e dello squadrone eliportato dei Cacciatori di Sicilia. Secondo i magistrati Rosalia avrebbe fornito aiuto per anni al fratello durante la sua latitanza, gestendo la «cassa» e il sistema di comunicazione (i cosiddetti «pizzini») che hanno permesso a Matteo Messina Denaro i contatti con il suo clan e di continuare i suoi ingenti affari anche durante la trentennale latitanza.

Rosalia Messina Denaro, 68 anni, è la sorella più grande di Matteo Messina Denaro (le altre sono Patrizia, che sta scontando una condanna per mafia, Giovanna e Bice) ed e’ sposata con Filippo Guttadauro, boss di Brancaccio (Palermo) che dopo avere scontato 14 anni di carcere per associazione mafiosa resta al 41 bis, per la sua pericolosità. E’ stata arrestata a Castelvetrano, nella casa di famiglia. E’ la madre di Lorenza Guttadauro, avvocata e difensore scelto dallo zio Matteo Messina Denaro, sposata con Luca Bellomo, scarcerato pochi mesi fa.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ex Ilva, via libera dall’Ue per prestito ponte. Urso: «Attestata la validità del piano industriale»

Il ministro delle Imprese: «Siamo sulla strada giusta» Il via libera dell’Ue al prestito ponte da 320 milioni di euro in favore di ex Ilva...

La Camera Avvocati Penalisti “Sebastiano Fusco”: «Troppi suicidi in carcere, interventi subito»

Gli avvocati hanno indirizzato una lettera ai più alti rappresentanti delle istituzioni La Camera degli Avvocati Penalisti "Sebastiano Fusco" di Napoli ha recentemente indirizzato una...