Somma Vesuviana, Nocerino sul contributo a un circolo: «Dove sono finite le regole?»

Il consigliere comunale: «Vengano dati alla luce del sole e con estrema trasparenza»

Mille euro ad un circolo ricreativo, senza che sia rispettato il regolamento sulle concessioni dei contributi alle associazioni e senza un preventivo di spesa. Su questo contributo dato dall’amministrazione comunale di Somma Vesuviana, il consigliere di minoranza, componente di Siamo Sommesi, Giuseppe Nocerino, ha presentato un’interpellanza, che attende ancora di essere dibattuta in consiglio comunale.

Pubblicità

Nocerino fa riferimento ad una delibera di giunta con la quale il Comune forniva un contributo di mille euro ad un circolo ricreativo. Il regolamento comunale che riguarda i contributi alle associazioni, però, spiega che tali aiuti possono essere dati fino all’80% della spesa preventiva effettuata dall’associazione che li chiede: «Ciò vuol dire che il circolo ricreativo avrebbe dovuto presentare un documento con le spese sostenute e, a quel punto, il Comune poteva erogare l’80% sotto forma di contributo. Invece il circolo ha solo presentato una generica richiesta, senza nemmeno specificare la cifra, facendo riferimento a un aumento dei costi di gestione», spiega Nocerino.

Nella sua interpellanza, Giuseppe Nocerino chiede anche di sapere quali altri circoli ricreativi abbiano beneficiato di contributi simili: «Sia chiaro che io sono favorevole agli aiuti alle associazioni, purché vengano erogati nel rispetto delle regole e senza favoritismi: mille euro possono essere anche pochi, per quanto mi riguarda, l’importante è che vengano dati alla luce del sole e con estrema trasparenza».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Governo, il decreto salva-casa arriva in CdM: ecco le misure

Non riguarda gli abusi edilizi strutturali Approda in cdm il decreto salva-casa del vicepremier e ministro Matteo Salvini dopo le ultime limature, come l’inclusione di...

Torna in carcere a 80 anni, il sindacato: è follia

Era ai domiciliari per droga e bancarotta fraudolenta, ma ha avuto un aggravamento della misura Far tornare in carcere un ottantenne, come è accaduto a...