L’Europa delle banche vuole strozzare l’Italia…

Monti pretende che l’Italia approvi ed aderisca al MES, affinché si facciano nuovi debiti e si peggiorino le finanze e l’economia italiana

Sul Corriere della Sera il Prof. Mario Monti dopo aver tentato, nel 2011, col suo governo a far soffrire gli italiani, adesso ci prova con le sue teorizzazioni maliziose se non maligne. In un articolo gioca con il destino del Premier Giorgia Meloni, facendo finta di simpatizzare col suo approccio europeista per poi dare ragione alla Von der Leyen ed alla Lagarde.

Pubblicità

Insomma Monti pretende che l’Italia approvi ed aderisca al MES, affinché si facciano nuovi debiti e si peggiorino le finanze e l’economia italiane. In questo modo si intende mettere il cappio al collo di un’economia, che già soffre con la crisi energetica, consentendo, oltre ad aumentare i debiti, di alzare i tassi bancari per non dare più alcuna possibilità per aiutare i più a coltivare speranze. Così vengono gettati semi del furore.

Come in «Furore» di Steinbeck si rappresenta la disperazione di quanti vengano stritolati dagli ingranaggi infernali della finanza e non trovano più un’equa collocazione economica, senza occupazione, con i tanti debiti perché tutti rimangano preda di banche e speculatori.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Con buona probabilità di previsione questi analisti ed economisti alla Monti vogliono portarci e convincerci che è meglio vivere da poveri, in piena servitù senza più dignità da difendere. Probabilmente intendono diffondere l’idea che il governo di destra-centro non sia in grado di difendere gli interessi degli italiani, sì da essere espulsi di fatto, perché fin troppo indebitati, dall’Europa. Ma l’Europa senza l’Italia può mai essere equa e solidale? Ma senza solidarietà tra gli Stati membri, l’Europa può mai essere impiantata e tutelata all’insegna del principio di responsabilità?

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Anziana drogata, in carcere lo zio di Luigi Caiafa

Fermo convalidato per il 50enne. Richiesta d’arresto anche per i casi degli intossicati con il latte di mandorla alterato Il gip ha deciso per il...

Ex Ilva, via libera dall’Ue per prestito ponte. Urso: «Attestata la validità del piano industriale»

Il ministro delle Imprese: «Siamo sulla strada giusta» Il via libera dell’Ue al prestito ponte da 320 milioni di euro in favore di ex Ilva...