Minacce al titolare delle pompe funebri: «Dai al clan 10mila euro»

Misura cautelare in carcere a carico di due persone

Prima l’incendio dell’ingresso dell’agenzia funebre, poi la richiesta di versare al clan Longobardi-Beneduce 10mila euro. C’è tutto questo dietro l’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere a carico di due persone, gravemente indiziate del reato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso e dal fine di agevolare l’attività del clan camorristico nei confronti del titolare un’impresa di pompe funebri di Pozzuoli (Napoli). Secondo le indagini dei carabinieri, l’imprenditore avrebbe ricevuto minacce e continue intimidazioni.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Castellammare, D’Apuzzo: «Sgomberi al Savorito, bomba sociale figlia del centrosinistra»

Il candidato sindaco: «Serve fondo di solidarietà per le famiglie rimaste senza casa» «Ci ritroviamo queste e altre criticità a causa della cattiva gestione del...

Campi Flegrei, in atto sciame sismico: scossa maggiore di magnitudo 3.7

Segnalazioni anche in alcuni quartieri di Napoli Dalle ore 6.06, come segnalato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è in corso uno sciame sismico nell’area...