Pnrr, centrati già 40 obiettivi: ne restano 15 entro fine anno ma c’è ottimismo

Il governo tira dritto per assicurare tutti i target necessari a sbloccare la terza rata da 19 miliardi

Su 55 obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza da conseguire al 31 dicembre 2022, ne sono stati «pienamente raggiunti 40» mentre altri 15 sono «in via di finalizzazione». Il governo tira dritto per assicurare tutti i 55 target necessari a sbloccare la terza rata da 19 miliardi del piano che punta a trasformare l’Italia in un Paese più moderno, efficiente, digitalizzato e a spingere la crescita grazie agli investimenti e alle riforme.

Pubblicità

E lo stato di attuazione del Pnrr al momento sembrerebbe «non spingere» l’esecutivo Meloni a varare entro la fine dell’anno un decreto legge per accelerare il raggiungimento degli obiettivi fissati. Questo, secondo quanto si apprende da fonti vicine al dossier, è l’orientamento emerso nella cabina di regia che si è svolta a Palazzo Chigi, in cui – viene spiegato – non sarebbero emersi «ritardi preoccupanti».

Pnrr, la seconda riunione della Cabina di regia

Ieri infatti si è tenuta la seconda riunione della Cabina di regia sul Pnrr coordinata dal Ministro per gli Affari europei, la Coesione territoriale e il Pnrr, Raffaele Fitto, con i Ministri e i rappresentanti di tutti i Ministeri coinvolti, che hanno illustrato lo stato di attuazione di ciascun target e milestone di propria competenza. Fitto, che ha ringraziato tutti i partecipanti per il «grande lavoro» svolto, come «metodo» per il futuro ha suggerito di concentrarsi su «valutazioni complessive che abbraccino una visione di tutto l’arco di Piano al 2026».

Pubblicità Federproprietà Napoli

La riunione della Cabina di regia è servita per «un puntuale aggiornamento» sulla situazione in vista di un «nuovo confronto» con la Commissione Europea, in programma per la prossima settimana, dopo «le numerose interlocuzioni già avute nei giorni scorsi», ha spiegato Palazzo Chigi.

Due provvedimenti approvati in via definitiva nel Cdm

Dai 15 obiettivi non ancora completati ma in via di finalizzazione, spiegano le stesse fonti, vanno espunti i due provvedimenti approvati in via definitiva nel Consiglio dei ministri che si è riunito dopo la cabina di regia, ossia i decreti legislativi sui servizi pubblici locali e sul riordino della disciplina degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico.

Nel caso di affidamenti in house «di importo superiore alle soglie di rilevanza europea» in materia di contratti pubblici serve «una motivazione qualificata» da parte dell’ente locale, per la scelta o la conferma del modello di autoproduzione ai fini di una «efficiente gestione» del servizio, che «dia conto», anche sulla base dei modelli standard predisposti dalle autorità competenti, «dei benefici per la collettività».

Stabilisce appunto la bozza dello schema di decreto legislativo di riordino dei servizi pubblici locali di rilevanza economica esaminata dal cdm che, in linea con il Pnrr, prevede una spinta alle gare e alla concorrenza. Sempre in merito agli obiettivi del Pnrr, il Consiglio dei ministri ha inoltre dato il via libera preliminare alla riforma del Codice degli appalti.

Leggi anche:  Fondi Ue, l'alert della Corte dei Conti: «Serve responsabilità, sono debito pubblico»

«Questa mattina in cabina di regia abbiamo fatto il punto sullo stato di avanzamento del Pnrr. È la più importante opportunità di sviluppo per l’Italia dal Dopoguerra ad oggi, uno strumento che può rendere il nostro Paese più moderno, competitivo ed efficiente», ha commentato il ministro per le Riforme istituzionali e la Semplificazione normativa, Elisabetta Casellati.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Imprenditore legato al clan dei Casalesi: confisca da 4 milioni di euro

Era già stato condannato alla pena di anni sei di reclusione Beni per quattro milioni di euro sono stati confiscati dai militari del nucleo di...

Al Sud investimenti pubblici e Pnrr spingono la crescita

Fitto: «Concreto cambio di passo della crescita economica ed occupazionale» Il Sud cresce e nel 2023 il Pil nel Mezzogiorno è salito dell’1,3% contro una...