Pizzo, rapine e aggressioni, arrestati 10 bengalesi nel Napoletano

Otto misure catelari in carcere e 2 ai domiciliari

La polizia, su mandato della procura di Napoli Nord, ha eseguito una misura cautelare in carcere per otto indagati e con il beneficio di domiciliari per altri due, tutti di nazionalità bengalese e appartenenti a una comunità radicata tra Sant’Antimo e Casandrino, nel Napoletano, che per gli inquirenti fanno parte di una banda che ha commesso furti, rapine, ed estorsioni ai danni dei loro con connazionali, arrivando anche a ferirli.

Pubblicità

Contestato tra gli altri, il reato di associazione per delinquere. Le indagini sono nate dopo le denunce delle vittime, titolari di esercizi commerciali o operai, e si sono a basate anche su immagini estrapolati dei sistemi di videosorveglianza. I reati sono stati commessi in un arco temporale ristretto, tra maggio e ottobre 2021.

La banda agiva anche armata con una pistola, coltelli, mazza acuminate e spranghe di ferro, avanzando richieste estorsive con minacce. Se il ‘pizzo’ non veniva pagato, arrivavano violente aggressioni. Tre dei destinatari della misura sono tuttora ricercati.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Rissa al bar per un accendino: un arresto e 4 denunce a Ischia

Uno di loro ha solo 16 anni Un accendino per ‘accendere’ una rissa. Accade a a Ischia, dove un gioco malizioso infiamma gli animi in...

Mafia, Schifone (Fdi): «Professionisti baluardo di legalità e della lotta al riciclaggio»

L'onorevole: «Siamo chiamati come decisori politici a sostenerli» «Gli ordini professionali sono il primo baluardo di legalità e della lotta al riciclaggio, la loro è...