Federproprietà Napoli

Le spese folli del narcos Raffaele Imperiale: quasi 7 milioni in un solo trimestre

Pubblicità

Per i voli aerei ben 214.510 euro

Nel primo trimestre del 2020 il narcotrafficante internazionale napoletano 48enne Raffaele Imperiale, attualmente detenuto in un carcere italiano dopo essere stato arrestato a Dubai, avrebbe speso quasi sette milioni di euro per le sue esigenze personali. A scoprirlo sono stati gli investigatori della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza di Napoli, grazie alla disamina del contenuto delle chat trasmesse dall’autorità giudiziaria francese.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I messaggi criptati che si sono scambianti Imperiale e il suo contabile, Corrado Genovese, 34 anni, sono contenuti nell’ordinanza di custodia cautelare con la quale il gip di Napoli Linda D’Ancona ha disposto 28 arresti in carcere (notificati da Polizia e Guardia di Finanza) nei confronti dei componenti la sofisticata banda transnazionale di trafficanti di cocaina guidata proprio dal narcos di Castellammare di Stabia.

L’enorme disponibilità finanziaria

Il dato mette in evidenza l’enorme disponibilità finanziaria accumulata da Imperiale, il cui nickname sulla piattaforma Encrochat è «Opentiger». Nella foto inviata il 3 aprile 2020 a Genovese (che ha come nickname «Mightywood») vengono riepilogate le spese personali e di gestione di Imperiale relative al primo trimestre 2020, che ammontano a oltre 6 milioni e 922mila euro. Figurano, per esempio, 181mila euro alla moglie, 492mila al cognato, 30mila per la compagna di quest’ultimo, 497mila euro per la sua ex moglie.

Nella lista è anche incluso il boss del clan Amato Pagano Raffaele Mauriello (nome in codice Floky) a cui sono destinati 155mila. Poi è annoverata una cifra considerevole per i voli aerei, ben 214.510 euro, di cui 5mila per gli spostamenti della suocera e di sua sorella, oltre a regali per 200mila euro e oltre 131mila per gli extra.

Leggi anche:  Neonato morto in ospedale schiacciato dalla madre: acquisita cartella clinica
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Raid al ristorante «Cala la pasta»: quattro condanne. C’è anche Patrizio Bosti jr

La vicenda avvenuta lo scorso 15 maggio a Forcella Quattro condanne, a 5 anni e 4 mesi di reclusione, a Napoli, anche per Patrizio Bosti...

L’Ue nuoce gravemente alla salute dei popoli europei

Ha tanti grilli per la testa e sta pensando di spiattellarli nei nostri piatti L’Unione Europea non finisce mai di stupire, è nata con tanti...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook