La morte del 13enne, il legale dei genitori: «Alessandro non mostrava segni di malessere»

Non si conosce ancora la data dell’esame autoptico

Alessandro, il 13enne di Gragnano morto giovedì e sul cui decesso gli inquirenti indagano per istigazione al suicidio, non mostrava a casa segni di malessere. Lo dice all’ANSA Giulio Pepe, l’avvocato che rappresenta i genitori della giovane vittima.

Pubblicità

«Alessandro – sottolinea Pepe – era, come è stato più volte ripetuto e scritto in questi giorni, un ragazzo solare, che andava bene a scuola e aveva tanti amici. Adesso i suoi genitori attendono solo il ritorno a casa della salma, per potere riabbracciare il figlio un’ultima volta prima di procedere ad una giusta sepoltura».

Al momento non si conosce ancora la data dell’esame autoptico e quindi non è stato ancora possibile fissare i funerali, in occasione dei quali il sindaco di Gragnano, Nello D’Auria, ha già annunciato un giorno di lutto cittadino.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Accoltella moglie e figli, e si barrica in casa: arrestato. Gravissimi 2 bimbi

I piccoli sono ricoverati in terapia intensiva Ha accoltellato moglie e figli, dopo l’ennesimo litigio in famiglia, e poi si è barricato in casa prima...

Campi Flegrei, Sangiuliano: «Risposta Governo pronta, bene Musumeci»

Il ministro sulle elezioni: «Ue prende decisioni strategiche» «Penso che la risposta del Governo sia stata molto pronta, rapida. il ministro Musumeci sta lavorando con...