Dj morto dopo il barbecue, sei soccorritori iscritti nel registro degli indagati

Il padre ha lanciato pensati accuse nei confronti dei sanitari

La Procura di Napoli Nord ha iscritto sei persone nel registro degli indagati nell’ambito degli accertamenti sulla morte di Filippo Marziatico, il dj di 20 anni morto lo scorso 8 luglio nell’ospedale di Frattamaggiore (Napoli) dove era giunto dopo essersi provocato ustioni sul corpo durante l’accensione di un barbecue.

Pubblicità

L’iscrizione nel registro degli indagati (nei confronti dei quali viene ipotizzato il reato di omicidio colposo) di coloro che hanno prestato soccorso al giovane è un atto dovuto propedeutico al conferimento dell’incarico a un consulente in programma martedì prossimo 26 luglio negli uffici della Procura.

Lo scorso 12 luglio, il padre del giovane, Giuseppe Marziatico, attraverso i suoi legali, gli avvocati Sergio e Angelo Pisani, ha presentato un’istanza agli inquirenti con la quale chiedeva la riesumazione del figlio e un esame autoptico, e lanciato pensati accuse nei confronti dei sanitari.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il consulente designato dal sostituto procuratore Patrizia Dongiacomo, il dottore Luigi Barbato, verrà incaricato di valutare la documentazione medica inerente il ricovero e il decesso di Filippo e anche l’eventualità di procedere con un accertamento tecnico irripetibile attraverso la riesumazione del corpo e l’autopsia.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ascensore Monte Echia, 25mila accessi in 6 giorni

Accesso a Monte Echia in via sperimentale fino al 19 maggio In soli 6 giorni dall'apertura, l'ascensore di Monte Echia ha registrato 25mila accessi, A...

Sorpreso con 18 chili di droga: arrestato un corriere diretto in Sicilia

Lo stupefacente avrebbe fruttato 130.000 euro I finanzieri del Comando provinciale Reggio Calabria hanno arrestato in flagranza di reato, per traffico di sostanze stupefacenti, un...