Federproprietà Napoli

Melito, spaccio di sostanze stupefacenti: 4 arresti nel rione 219

Pubblicità

Bloccati dopo un servizio di osservazione dei carabinieri

Quattro persone finite in manette nel rione 219 di Melito di Napoli. I carabinieri della locale tenenza e della sezione operativa di Marano hanno arrestato Salvatore Martinelli, Gennaro de Gennaro, Giovanni Accardi e un 24enne incensurato. Tutti nei guai per spaccio di droga e ognuno con un ruolo differente. Secondo quanto reso noto dalle forze dell’ordine Martinelli trasportava lo stupefacente dal «magazzino» al venditore al dettaglio. Ruolo quest’ultimo ricoperto dal 24enne incensurato. Gli altri due erano impiegati come vedette.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Durante i servizi di controllo sono state monitorate 4 cessioni. I militari li hanno tenuti sotto osservazione e dopo il quarto scambio sono intervenuti e li hanno bloccati prima che potessero fuggire. I carabinieri hanno recuperato quattro stecchette di hashish dagli acquirenti quando erano ormai lontani dagli occhi curiosi del gruppo di vendita. Per De Gennaro e Accardi lo spaccio non era l’unica fonte di sostentamento. Da accertamenti compiuti è emerso che nelle loro tasche confluisse puntuale anche la mensilità del reddito di cittadinanza. Il beneficio sarà ovviamente revocato. Sono ora tutti in carcere, in attesa di giudizio.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Caso camici, la difesa di Dini: «Dopo parole di Fontana fece donazione»

L'avvocato ha chiesto di prosciogliere l’imprenditore fratello della moglie del presidente della Lombardia Andrea Dini, titolare di Dama e cognato di Attilio Fontana, «prese atto»...

La morte del boss Cosimo Di Lauro: indagini su possibili carenze od omissioni nell’assistenza

Ascoltati altri detenuti al 41bis e operatori del carcere La Procura di Milano sta indagando su eventuali carenze o omissioni nell’assistenza medico-sanitaria in relazione alla...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook