Investito e ucciso a 15 anni, il Tribunale condanna il responsabile a 7 anni e 4 mesi

Il pubblico ministero aveva chiesto 8 anni di carcere

Il Tribunale di Napoli Nord ha condannato a sette anni e quattro mesi di carcere il 30enne Pietro Capoluongo, imputato di omicidio stradale per la morte, avvenuta in pieno centro a Casal di Principe (Caserta) nell’ottobre scorso, del 15enne Ciro Modugno. Il minore fu investito mentre era sullo scooter dall’auto guidata da Capoluongo, che invase la carreggiata opposta; Modugno rimase gravemente ferito e morì il giorno dopo all’ospedale di Caserta per i traumi riportati nonostante la solidarietà e le donazioni di sangue in suo favore.

Pubblicità

Capoluongo fu arrestato e finì ai domiciliari qualche giorno dopo l’incidente, anche perché trovato positivo alla guida a droga e alcol. Il pubblico ministero aveva chiesto 8 anni di carcere. La morte del 15enne ha provocato tanto dolore a Casal di Principe, al punto che il 4 aprile scorso è stata collocata una panchina bianca in memoria dell’adolescente a corso Umberto I, strada principale e luogo dove avvenne l’investimento mortale; un’iniziativa voluta dal sindaco Renato Natale su richiesta dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada (AIFSV).

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Violenza sessuale di gruppo: arrestati cardiologo e viceprocuratore onorario

Tutto sarebbe stato ripreso in video dai due presunti autori Un vice procuratore onorario, all’epoca dei fatti in servizio alla Procura della Repubblica del tribunale...

Campania seconda in Italia per interventi per il trattamento dell’obesità

Il ruolo chiave dell’intelligenza artificiale La Campania è stata la seconda regione in Italia per numero di interventi chirurgici eseguiti per il trattamento dell’obesità. Inoltre,...