Federproprietà Napoli

Caso Cucchi, otto carabinieri condannati per i depistaggi

Pubblicità

Ilaria Cucchi: «Sono sotto choc. Non credevo sarebbe mai arrivato questo giorno»

Condannati gli otti carabinieri imputati. Questa la sentenza emessa dal giudice monocratico Roberto Nespeca nel processo sui depistaggi seguiti al pestaggio e alla morte di Stefano Cucchi, il 31enne romano, arrestato il 15 ottobre del 2009 e deceduto sette giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini. La decisione è arrivata dopo otto ore di camera di consiglio.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Condannato a 5 anni il generale Alessandro Casarsa, 4 anni per Francesco Cavallo e Luciano Soligo, 2 anni e mezzo per Luca De Cianni, un anno e 9 mesi per Tiziano Testarmata, un anno e 3 mesi per Francesco Di Sano, un anno e tre mesi per Lorenzo Sabatino e un anno e nove mesi per Massimiliano Colombo Labriola. Le accuse contestate agli otto militari dell’Arma, a vario titolo e a seconda delle posizioni, vanno dal falso, al favoreggiamento, all’omessa denuncia e calunnia.

Nella requisitoria dello scorso dicembre il pm Giovanni Musarò aveva chiesto la condanna degli otto carabinieri imputati. La richiesta di pena più alta era stata per il generale Alessandro Casarsa: per lui il pm aveva chiesto 7 anni. Cinque anni e mezzo erano stati sollecitati invece per Francesco Cavallo, cinque anni per Luciano Soligo e per Luca De Cianni, quattro anni per Tiziano Testarmata, invece, per Francesco Di Sano tre anni e tre mesi, tre anni per Lorenzo Sabatino e un anno e un mese per Massimiliano Colombo Labriola per il quale il pm aveva chiesto le attenuanti generiche.

«Sono sotto choc. Non credevo sarebbe mai arrivato questo giorno. Anni e anni della nostra vita sono stati distrutti, ma oggi ci siamo. E le persone che ne sono stati la causa, i responsabili, sono stati condannati» ha detto Ilaria Cucchi dopo la sentenza.

Leggi anche:  Appalti Covid Hospital: "Erano urgenti, iter limpido"
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Salvini: «Nucleare pulito è l’energia del futuro. Governo di centrodestra farà questa scelta»

Il leghista: «Emendamenti Milleproroghe? Non è guerriglia. Il Parlamento fa il suo lavoro» Il premier Mario Draghi non ha ben digerito quello che è accaduto...

Altamura: un luogo che sa ancora raccontare una pagina di storia da non dimenticare

Quando Enea lasciò Troia per cercare una nuova casa, non vagò a caso ma volle tornare in patria. Cioè in quell’Italia da cui il...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook