La morte di Rosa, D’Ambra confessa il delitto ma nega le violenze

L’uomo fermato ieri pomeriggio all’ospedale San Paolo

Elpidio D’Ambra, il 31enne fermato nel pomeriggio di ieri per l’omicidio di Rosa Alfieri, la ragazza trovata senza vita nell’abitazione di Grumo Nevano (Napoli) dove l’uomo viveva, ha confessato il delitto. Il 31enne però ha negato le violenze sulla donna.

Pubblicità

Ascoltato dagli investigatori del commissariato di Polizia di Bagnoli, dove D’Ambra è stato condotto subito dopo essere stato bloccato dai poliziotti, ha confessato davanti al sostituto procuratore di Napoli Nord e al dirigente di Ps.  Sulle tracce di D’Ambra – si apprende da fonti investigative – la Polizia è arrivata anche grazie alla testimonianza del tassista che l’ha accompagnato a comprare dei vestiti nuovi.

Secondo quanto si è appreso, il tassista subito dopo aver lasciato il cliente, ha avvertito il 113. D’Ambra, dopo una notta passata a girovagare, ieri mattina si era disfatto dei vestiti che aveva indosso e del cellulare. Successivamente, colto da malore, si era recato all’ospedale San Paolo di Napoli dove è stato riconosciuto dagli agenti. Il suo tentativo di fuga è stato subito bloccato dai poliziotti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

La premier Giorgia Meloni sicura: «A giugno un’altra Unione Europea»

Per il presidente del Consiglio «Draghi per ora è filosofia» Il discorso di La Hulpe, pronunciato dall’ex presidente della Bce Mario Draghi martedì scorso, ha...

Brutale rapina nel Napoletano: 44enne presa a calci e pugni per la borsetta

Forze dell'ordine sulle tracce del malvivente Violenta aggressione ieri pomeriggio: una donna è stata picchiata brutalmente da uno sconosciuto durante un tentativo di rapina. I...