Federproprietà Napoli

Napoli, il Comune avvia la procedura per quantificare i debiti commerciali

Pubblicità

Pubblicato un avviso rivolto ai creditori del Comune di Napoli

Il Comune di Napoli dà il via all’operazione di determinazione e di quantificazione dei propri debiti commerciali. È stato infatti pubblicato un avviso rivolto ai creditori del Comune secondo il quale chiunque sia titolare di un credito commerciale «certo, liquido ed esigibile», alla data del 31 dicembre 2021, può presentare istanza entro e non oltre il 4 aprile 2022. Oltre tale data, la mancata presentazione della domanda determinerà l’automatica cancellazione del credito vantato.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La procedura è prevista da un articolo della Legge di Bilancio dello Stato varata il 30 dicembre 2021 ed è necessaria affinché l’amministrazione comunale possa accedere al sostegno economico dello Stato previsto per i Comuni capoluogo di Città metropolitana che versano in difficili condizioni economiche e finanziarie.

Il Comune di Napoli, in riequilibrio finanziario pluriennale dal 2013, alla data del 31 dicembre 2020 certifica un disavanzo di 2 miliardi 465 milioni 841.756,12 euro superiore a euro 700 pro capite e lo squilibrio finanziario del Comune si è manifestato attraverso «un significativo ritardo» nel pagamento dei debiti, e tra questi dei debiti commerciali.

Da qui la necessità di procedere alla quantificazione dei debiti commerciali dell’ente. Entro il 15 maggio 2022, il Comune predisporrà il piano di rilevazione dei debiti ed entro il 15 giugno, valutato l’importo complessivo di tutti i debiti censiti, proporrà individualmente ai creditori, compresi quelli che vantano crediti privilegiati, nel rispetto dell’ordine cronologico delle fatture di pagamento o delle note di debito, la definizione transattiva del credito offrendo il pagamento di una somma variabile tra il 40 e l’80 per cento del debito, in relazione a definiti criteri di anzianità del debito.

Leggi anche:  Napoli, al via la vigilanza notturna della Galleria Umberto I

I criteri di anzianità

Pubblicità

I criteri prevedono il pagamento del 40 per cento per debiti con data antecedente al 1° gennaio 2012; il pagamento del 50 per cento per debiti con data compresa tra il 1° gennaio 2012 e il 31 dicembre 2016; il pagamento del 60 per cento per debiti con data tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018; il pagamento dell’80 per cento per debiti con fattura con data tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2021.

La transazione, che sarà individualmente offerta dal Comune ai creditori, dovrà essere accettata entro il termine che sarà fissato nell’offerta, non superiore a trenta giorni. L’accettazione della transazione comporterà per il creditore «la rinuncia ad ogni altra pretesa» e la liquidazione obbligatoria da parte del Comune entro venti giorni dalla conoscenza dell’accettazione della transazione.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, frenata nuovi casi: 355. Ma i decessi sono 575. Record di guariti in 24 ore

Calano ancora i ricoveri in terapia intensiva per l'emergenza Coronavirus. Ad oggi sono 2.812, 124 in meno rispetto a ieri. Di questi, 971 sono...

Coronavirus, in Italia 13.659 casi e 422 vittime. Superati i 90mila decessi

Aumentano i nuovi casi di Coronavirus in Italia. Secondo il bollettino del ministero della Salute sono 13.659 i positivi di oggi, contro 13.189 di...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook