Federproprietà Napoli

Scuola, Fratelli d’Italia: «I numeri di Bianchi smentiscono De Luca»

Pubblicità

Alessandra Caldoro: «In troppi comuni della Campania ai giovani cittadini è negato il diritto allo studio»

«Il ministro all’Istruzione Bianchi ha fornito i dati per tutte le regioni sulle percentuali degli studenti che stanno frequentando in presenza le scuole. La media italiana è l’88,4%, la regione Campania è sopra la media nazionale nonostante la narrazione del terrore del presidente De Luca e del suo assessore al ramo». Lo afferma in una nota Alessandra Caldoro, componente del direttivo di Fratelli d’Italia a Napoli.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Ancora una volta – sottolinea – arriva una prova che la scuola non è colpevole. La narrazione del terrore che le scuole aperte facciano salire i contagi è ancora una volta smentita. I numeri forniti dal ministro Bianchi sono molto incoraggianti e la strada da seguire è quella di mantenere più studenti possibile in classe in sicurezza. De Luca dovrà cercare un capro espiatorio al di fuori delle aule scolastiche».

«L’invito è che chieda ai suoi sindaci di ritirare le ordinanze di chiusura delle scuole. In troppi comuni della Campania ai giovani cittadini è negato il diritto allo studio e alle loro famiglie un servizio essenziale. La scuola è scuola solo in presenza, se ne faccia una ragione il presidente della regione» conclude l’esponente di FdI.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ucraina, Gioventù Nazionale e Modavi consegnano 215 tonnellate di aiuti umanitari

Roscani (GN-FdI): «Esperienza struggente, si centri presto obiettivo della pace» Ancora una volta lo straordinario cuore degli italiani ha compiuto un piccolo grande miracolo. Sono...

Carceri, rivolta nell’istituto di Benevento: feriti 5 agenti penitenziari. Aperta un’inchiesta

Cinque agenti della polizia penitenziaria sono rimasti feriti, uno più gravemente a causa di una protesta scoppiata ieri sera nel carcere di Benevento. Secondo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook