Sicurezza, Maresca: «Bene visita Lamorgese, ma affrontare pericolo di camorra imprenditrice e finanziaria»

Per Maresca «occorre elaborare velocemente un sistema di controllo tecnologico e fisico del territorio»

«Accogliamo con soddisfazione la visita del ministro dell’interno Luciana Lamorgese oggi a Napoli. Purtroppo i dati sulla criminalità nella nostra città sono inclementi e rappresentano un indice di assoluto allarme. Ben vengano programmi straordinari di intervento e nuove risorse umane e finanziarie, che speriamo davvero arrivino il più presto possibile». Lo dichiara in una nota Catello Maresca, leader dell’opposizione di centrodestra in Consiglio comunale.

Pubblicità

«Come ha sottolineato il ministro dell’interno con la sua presenza sul territorio, la sicurezza è una questione maledettamente seria, a cui occorre dare risposte in maniera stringente e in modo efficace, anche sotto il profilo della prevenzione – prosegue la nota – Pensiamo ancora che sia indispensabile attivare un tavolo permanente sulla problematica delle baby gang, coinvolgendo anche la Regione, con programmi di recupero e reinserimento professionale».

Per Maresca «occorre poi elaborare velocemente un sistema di controllo tecnologico e fisico del territorio, non trascurando le periferie. Il Comune di Napoli deve sviluppare un piano serio e realizzabile di riutilizzo sociale, ma anche economico dei beni confiscati alla criminalità».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Infine, ma non ultimo per importanza, si deve strategicamente affrontare il pericolo della camorra imprenditrice e finanziaria – conclude il consigliere – Fa piacere constatare da parte del ministro attenzione verso il serissimo pericolo di infiltrazione camorristica negli appalti del PNRR. Attendiamo ora di essere coinvolti in una battaglia che segnerà le sorti dei nostri concittadini e dei nostri figli per il prossimo futuro», conclude.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Fuma nel pronto soccorso e assale i vigilantes, presa anche per evasione

La 47enne ha aggredito e ferito 2 guardie giurate del Cardarelli che le avevano chiesto di spegnere la sigaretta Nella notte appena trascorsa, gli agenti...

Cacciato e picchiato perché figlio del boss pentito

Quattro indagati per il pestaggio a Giacinto Giuliano: il padre è Raffaele detto ‘O zuì. Era tornato a Forcella malgrado il divieto imposto dal...