Federproprietà Napoli

La Metro a piazza Garibaldi? Un miraggio per i diversamente abili

Pubblicità

Slalom tra siringhe ed escrementi, ascensori e scale mobili fuori uso

Il degrado di piazza Garibaldi, nonostante la recente inaugurazione, è sotto gli occhi di tutto. Quello che più salta all’occhio però è la «schifezza» (scusate il francesismo ma proprio di «schifezza» si tratta) che impera in prossimità della stazione e della galleria commerciale della Linea 1 della Metropolitana. «Schifezza» che rende finanche impossibile l’utilizzo della stessa ai diversamente abili.

Pubblicità Federproprietà Napoli

In una breve passeggiata abbiamo avuto modo di «ammirare» le pessime condizioni in cui versa con entrambe le scale mobili, sia lato stazione centrale che lato corso Umberto, fuori uso. Va peggio però sul fronte degli ascensori che dovrebbero offrire i propri servigi a quanti non possono affrontare le impervie scale che conducono alla galleria commerciale e alla stazione della metro.

Tutti fuori uso (se non quelli di servizio non accessibili ai comuni mortali) diventano scandalosi perché davanti all’ingresso dei suddetti alberga una ricca collezione di escrementi di cani mista a una notevole quantità di siringhe utilizzate dai tossicodipendenti che evidentemente li utilizzano come riparo per «bucarsi». Eppure quella stazione è stata aperta appena otto anni fa ma la pulizia, la manutenzione, il controllo e il decoro rappresentano un vero e proprio miraggio.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

L’Ospedale degli Incurabili di Napoli compie 500 anni: cinque secoli di storia da rilanciare

Domani e mercoledì ci saranno eventi per festeggiare «Il 23 marzo 2022 è una data speciale perché celebra un Ospedale dalla storia lunga 500 anni:...

Terra dei Fuochi: don Patriciello, ad Acerra negato scempio

"Evidentemente Caivano non è un comune italiano" "Incredibile. Ad Acerra, ancora una volta, si è negato lo scempio della " Terra dei fuochi". Solo nella...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook