Federproprietà Napoli

Ergastolo ostativo, l’allarme di Nino Di Matteo: «Si rischia di vedere in libertà gli stragisti di mafia»

Pubblicità

L’allarme del consigliere del Csm ed ex pm di Palermo Nino Di Matteo davanti alla Commissione Giustizia della Camera

«Corriamo il rischio che proprio quelli che hanno fatto le stragi nel ’92-’93 tornino in libertà con la libertà condizionale e proprio in virtù dell’applicazione della sentenza della Consulta sull’ergastolo ostativo e della legge che state predisponendo». È l’allarme del consigliere del Csm ed ex pm di Palermo Nino Di Matteo davanti alla Commissione Giustizia della Camera.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«L’obiettivo primario dei vertici Di Cosa Nostra è da sempre l’abolizione dell’ergastolo», ha detto il magistrato, sottolineando che «il rischio che si corre è che chi ha fatto le stragi per ricattare lo Stato ottenga ora l’obiettivo che ha perseguito».

La «sostanziale abolizione dell’ergastolo ostativo – ha aggiunto – avrà un effetto deflattivo sulle collaborazioni di livello con la giustizia degli uomini di onore» perché di fatto «è venuta meno la differenza di trattamento tra irriducibili, stragisti e chi collabora con la giustizia». Nino Di Matteo, si dice convinto inoltre che il fenomeno del pentitismo subirà un calo «quantitativo e qualitativo».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, in Campania contagi zero non prima del 9 maggio. Lombardia e Marche ultime a uscire dall’emergenza

Da quando è verosimile iniziare a pensare che non ci saranno nuovi contagi nell'emergenza Coronavirus nelle singole regioni? A questa domanda prova a dare...

Salvini cede e il Centrodestra annuncia l’accordo. Meloni e Berlusconi lanciano Fitto e Caldoro

Pronti, partenza, via! Dopo il faticoso accordo trovato in extremis dal Centrodestra il gran premio delle Regionali delle 2020 può partire. Ricandidati Toti e...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook