Torre Annunziata, i carabinieri setacciano il rione Provolera

A Boscoreale i carabinieri della sezione radiomobile hanno arrestato un 29enne di Trecase e un 23enne del posto

Continua l’impegno dei carabinieri del comando compagnia di Torre Annunziata nei servizi di controllo del territorio. I militari hanno effettuato dei posti di controllo rafforzati e diverse perquisizioni alla ricerca di armi e droga all’interno del quartiere del centro storico “Provolera”.

Pubblicità

Denunciato a piede libero un 22enne. Nella sua abitazione i militari hanno rinvenuto e sequestrato 1 fucile ad aria compressa, 1 scanner di frequenze radio, 1 rilevatore di microspie, 2 apparati GPS e 1 metal detector. Denunciati per resistenza a pubblico ufficiale anche altre 2 persone che in due diversi episodi e a bordo dei rispettivi scooter non si sono fermati all’alt intimato dai carabinieri. Li accomuna la breve fuga ed il fatto che i militari li abbiano bloccati poco dopo. Sono state identificate 95 persone e controllato 53 veicoli. 5 gli scooter sequestrati.

A Boscoreale, invece, i carabinieri della sezione radiomobile hanno arrestato Fulvio Titas, 29enne di Trecase e Antonio Guastafierro, 23enne del posto. Dovranno rispondere di resistenza a pubblico ufficiale. Titas anche per evasione visto che era sottoposto agli arresti domiciliari. I militari li hanno notati a bordo di uno scooter mentre percorrevano via Trivio Marchese. Indossavano abiti scuri, il casco integrale e dei guanti in lattice. La targa del mezzo era contraffatta con del nastro adesivo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I militari gli intimano di fermarsi ma non hanno obbedito. Da lì nasce un inseguimento che dura circa 4 chilometri. I due, dopo aver abbandonato lo scooter, tentano di fuggire a piedi ma vengono bloccati poco dopo. Gli arrestati sono in attesa di giudizio, lo scooter – intestato ad una società di noleggio – è stato sequestrato.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Capi e gregari delle truffe, ecco i nomi e i ruoli della banda

Dalla ‘mente’ al cassiere, fino ai corrieri e agli esattori. La centrale di telefonia nel cuore di Secondigliano Gli inquirenti hanno tracciato tutti i ruoli...

Il clan dei Casalesi riciclava in Toscana: 18 avvisi di conclusione indagine

Le indagini incentrate «su un imprenditore operante nel settore edile» La Procura della Repubblica di Firenze, nell’ambito di un’indagine della Guardia di finanza di Firenze...