Federproprietà Napoli

Rdc, de Bertoldi (FdI): «Destinare le risorse alle imprese e alle politiche attive del lavoro»

Pubblicità

L’attacco del senatore: «Il governo non ha mosso un dito per far fronte alle truffe»

«La lunga sequela di scandali e truffe verificatasi a danno dello Stato, insieme alle lacune e alle contraddizioni che si sono palesate, sono la dimostrazione dell’inadeguatezza e dell’inefficacia del reddito di cittadinanza rispetto alle effettive esigenze dell’Italia e senza che fino ad oggi il governo non abbia mosso un dito per far fronte a questi ripetuti episodi».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Così il senatore di Fratelli d’Italia Andrea de Bertoldi, segretario della commissione Finanze in Senato, che ha presentato un’interrogazione nel merito.

«Senza considerare – continua – che il RdC ha penalizzato pesantemente il tessuto industriale e commerciale del sistema delle imprese nazionali, alimentando il lavoro sommerso e le prestazioni senza alcuna garanzia sociale. Per questo è necessario procedere all’abolizione del reddito di cittadinanza».

«Da sempre Fratelli d’Italia sostiene che le importanti risorse finanziarie destinate al RdC debbano andare a favore delle imprese e alle politiche attive del lavoro per la riduzione del cuneo fiscale. In questo modo si potrebbero creare effetti positivi e durevoli sullo sviluppo e favorire effettivamente nuova occupazione» conclude de Bertoldi.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Reddito, Renzi: «Ridicolo, un referendum per abolirlo»

Matteo Renzi mette nel mirino il primo governo Conte e il Movimento 5 Stelle. Questa volta, sotto il fuoco di fila del leader di...

Malattie rare, mai più distanze tra medici e pazienti. Nasce il primo progetto europeo di telemedicina per la Malattia di Huntington

Si chiama HealthE-RND, acronimo di European EHealth Care Model for Rare Neurodegenerative Diseases. È sotto questa sigla in lingua inglese che si racchiude l'innovativo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook