Federproprietà Napoli

Barca in fiamme a Castellammare di Stabia: 29enne morta asfissiata

Pubblicità

L’imbarcazione, battente bandiera inglese, è gestita da una società di Gragnano di cui la 29enne era una dipendente

Dramma nel porto turistico di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, dove questa notte una 29enne romana è deceduta nel rogo divampato su di una barca a vela battente bandiera inglese. Secondo quanto ricostruito la ragazza è morta asfissiata dalle esalazioni. L’imbarcazione è gestita da una società di Gragnano di cui la 29enne era una dipendente.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco che hanno spento l’incendio e sono saliti a bordo dove hanno trovato il cadavere della ragazza. L’allarme è stato dato alle 3 di notte circa e quando sono intervenuti gli uomini della guardia costiera locale che ora indagano sulle cause che hanno scatenato le fiamme coordinati dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Torre Annunziata. Al vaglio degli inquirenti, al momento, due ipotesi: lo scoppio di una bombola oppure un corto circuito.

«Profondo dolore e commozione nell’apprendere la notizia della scomparsa di una ragazza di 29 anni in un incendio di un’imbarcazione sulla quale lavorava. Una vicenda sulla quale forze dell’ordine e magistratura stanno provando a fare chiarezza in queste ore. Una tragedia immane» ha commentato il sindaco Gaetano Cimmino.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Casoria, da domani parchi e giardini riaperti ai cittadini. Esulta Gioventù Nazionale

Da domani i cittadini casoriani potranno riappropriarsi di parchi e ville comunali. È quanto deciso dal primo cittadino Raffaele Bene lo scorso 22 aprile...

L’altolà di Grillo: il limite dei due mandati non si tocca. I malumori nel M5S non si placano

In Sicilia i grillini chiedono una deroga per candidare Giancarlo Cancelleri Lo scontro nel Movimento 5 Stelle, nonostante l’uscita di 61 parlamentari e del ministro...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook