Federproprietà Napoli

Due feriti a colpi d’arma da fuoco nel Napoletano

Pubblicità

Entrambi hanno dichiarato di essere vittime di tentativi di rapina

I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata (Napoli) indagano sul ferimento di due persone che hanno dichiarato di essere vittime di tentativi di rapina, avvenuti comunque in luoghi e momenti diversi.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il primo caso è riferito all’arrivo al pronto soccorso dell’ospedale di Castellammare di Stabia di un uomo di 36 anni residente a Torre Annunziata, giunto al nosocomio stabiese a seguito di una ferita d’arma da fuoco alla gamba sinistra. La vittima ha dichiarato ai militari dell’Arma di essere rimasto vittima di una tentata rapina in via Garibaldi, nel rione Provolera di Torre Annunziata. Dopo le cure del caso, l’uomo è stato dimesso con una prognosi di dieci giorni.

Attorno alle 2.15, presso lo stesso ospedale, si è poi presentato un giovane di 20 anni di Boscoreale: presentava una ferita al gluteo provocata da un colpo di arma da fuoco. Anche in questo caso, sempre secondo quanto riferito agli inquirenti, si tratterebbe di una tentata rapina subita stavolta a Boscoreale, in viale Villa Regina. Per lui venti i giorni di prognosi. Per entrambi i casi, dinamica e veridicità dei fatti sono ancora tutte da chiarire e in tal senso indagini sono in corso da parte dei carabinieri della compagnia di Torre Annunziata.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, stabili i nuovi casi. Sette regioni senza nuovi positivi e dieci senza decessi in 24 ore

Sono 346 i nuovi casi di coronavirus in Italia, di cui 210 (il 60%) in Lombardia. E' quanto si evince dal bollettino odierno della...

Coronavirus, i dati dell’emergenza: 1.109 nuovi contagi e 837 vittime. Guariti 15.729 pazienti

Sono 15.729 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il Coronavirus, 1.109 in più di ieri. Il dato è stato reso noto, in...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook