Torre Annunziata, Ascione non si dimette ma azzera la Giunta. Città di nuovo senza guida

Ormai siamo alla sagra dell’assurdo. Il primo cittadino di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, scioglie per la terza volta in poco più di 6 mesi la giunta comunale dopo le polemiche e le dimissioni del vicesindaco Lorenzo Diana in seguito all’arresto di Luigi Ammendola.

Pubblicità

Una decisione scaturita anche dal comunicato stampa del PD, diffuso ieri, che ha scavato un profondo solco tra il partito e il primo cittadino. Ma il sindaco non demorde e resta in sella e per la terza volta dunque, Torre Annunziata si ritrova senza una guida.

La notizia è stata data in un comunicato dallo stesso cittadino che ha informato di aver provveduto nella giornata odierna, a firmare il decreto di azzeramento. «Le motivazioni di tale provvedimento trovano fondamento – si legge nel decreto – in una verifica politico-amministrativa al fine di consentire e uniformare all’attualità le determinazioni programmatiche delle forze di maggioranza. Ciò induce a raccogliere importanti spunti di riflessione politica con l’obiettivo di rendere più incisiva l’azione amministrativa».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Domani intanto è stata convocata una conferenza stampa, in cui verrà approfondito l’argomento, presso l’aula consiliare della sede comunale di via Provinciale Schiti.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

I Lions celebrano gli 800 anni della Federico II

Il 18 giugno la consegna di dieci premi per lauree triennali e magistrali Nei giorni scorsi si è tenuto in onore dell’ottocentesimo anniversario della Federico...

Giornalista condannato, l’Odg Campania: «Sentenza mette a rischio l’autonomia»

La solidarietà dell'ordine L'Ordine dei Giornalisti della Campania e la Commissione Legalità dell'Ordine regionale, dinanzi alla condanna in primo grado del collega Pasquale Napolitano esprimono...