Federproprietà Napoli

Congo, Barbaro-Rauti (FdI): «Su caso Attanasio sconcertante risposta del governo»

Pubblicità

Per i senatori «appare chiaro come il governo non voglia assumere responsabilità specifiche sulla vicenda»

In risposta alle interrogazioni Barbaro-Rauti sulla morte dell’ambasciatore Attanasio e del carabiniere Iacovacci in un agguato terroristico in Congo, il viceministro degli Affari Esteri, Marina Sereni «ha dato risposte a nostro modo sconcertanti dichiarando come fosse dello stesso diplomatico il compito di provvedere a un adeguato dispositivo di sicurezza»: così i senatori di Fratelli d’Italia Claudio Barbaro e Isabella Rauti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Questa la risposta scritta del Viceministro che, di fatto, identifica lo stesso Attanasio quale responsabile del tragico accadimento: «l’ambasciatore d’Italia a Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo) è la figura individuata quale datore di lavoro, cui spettano, nell’ambito della propria autonomia gestionale e finanziaria, la valutazione dei rischi e ogni opportuno intervento a mitigazione degli stessi, con pieni poteri organizzativi e di spesa».

«La tesi sostenuta dal governo – proseguono i senatori Barbaro e Rauti – è sconcertante, avvilente e denigratoria per memoria di due Servitori dello Stato. Le norme riportate a sostegno delle tesi in risposta, assegnano allo stesso Attanasio le responsabilità tipiche del datore di lavoro. È altresì da ricordare come lo stesso ambasciatore, nel novembre del 2018, chiese il rafforzamento del proprio assetto di protezione ravvicinata: come mai lo chiese se aveva ampi poteri decisionali e di spesa in materia di sicurezza? ».

«In tutto il mondo, peraltro, la sicurezza diplomatica è valutata dai servizi d’intelligence che si occupano di reperire informazioni e produrre analisi, al fine di pianificare in maniera pertinente le risorse necessarie alla security della sede diplomatica e del personale impiegato. Tale pianificazione non può certamente essere effettuata dal Capo missione che non ha, per ovvie ragioni, la competenza professionale, tattica e operativa necessaria alla strutturazione di un servizio di close protection».

Leggi anche:  Napoli, la scelta di Manfredi spacca il centrosinistra: Italia Viva, Mastella, Riformisti e Verdi si defilano
Pubblicità
Leggi anche:  Dl Riaperture, Ferro (Fdi): «Delusi da esecutivo Draghi, Fratelli d’Italia voterà contro»

«Il governo, a nostro avviso, ha invece valutato come adeguato un assetto per la sicurezza della sede diplomatica e del capo missione, quale quello di stanza in Repubblica Democratica del Congo, con due soli operatori addetti alla protezione del capo missione e due alla sicurezza della sede diplomatica e dei documenti classificati in essa contenuti; ciò appare, anche riflettendo sulle effettive ore di servizio, senza dubbio insufficienti. Appare altresì chiaro come il governo non voglia assumere responsabilità specifiche sulla vicenda».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Escalation criminale a Torre Annunziata, Ruotolo: «Più forze dell’ordine, appello al ministro dell’Interno e al Prefetto»

«Siamo preoccupati per l’escalation criminale che sta mettendo in ginocchio Torre Annunziata. Omicidi e agguati sono quotidiani. L'ultimo è accaduto nella serata di ieri...

Potenza, Caiata (FdI) indagato a Siena: «Attacco infondato per ledere il partito. Mi dimetto da segretario per tutelarlo»

Indagato a Siena in un'inchiesta -  avviata a fine 2018 e condotta con rogatorie internazionali, intercettazioni telefoniche, informatiche e ambientali, in cui risultano coinvolte,...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale