Federproprietà Napoli

Sarno, M5S: «Niente più rifiuti dal fiume al mare, una barriera li raccoglierà»

Pubblicità

«Niente più rifiuti dal fiume Sarno al mare e finalmente le acque che bagnano il litorale di Oplonti e Stabia potranno tornare a essere realmente balneabili. L’azione di Governo portata avanti dall’ex ministro Sergio Costa continua a dare i suoi frutti». Lo annunciano il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello e la deputata Teresa Manzo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Dando seguito alle linee guida approntate dal ministero guidato da Costa – spiegano -, la giunta regionale della Campania ha finanziato con oltre 4 milioni di euro un sistema di barriere teso a intercettare rifiuti solidi lungo il corso del Sarno. La stessa misura copre anche la gestione e lo smaltimento dei rifiuti per i prossimi due anni».

«Una buona notizia – rilevano – per le comunità di Torre Annunziata e Castellammare di Stabia, i cui litorali si ritrovano puntualmente invasi da spazzatura e veleni di ogni tipo scaricati dal Sarno».

«Ora è necessario che la Regione agisca al più presto per attivare una rete di collettamento agli impianti di depurazione per tutti i Comuni rientranti nel bacino idrografico, i cui reflui finiscono nel fiume inquinandolo ulteriormente. Una situazione – concludono Saiello e Manzo – che denunciamo da anni e rispetto alla quale bisogna agire in fretta», concludono.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Green pass e trasporti, annunciate proteste nelle stazioni. Il Viminale: «Tolleranza zero contro illegalità»

Certificato verde obbligatorio per viaggiare su Intercity e Alta Velocità. Il Ministero dell'Interno blinda i principali snodi del trasporto Green pass obbligatorio in Italia da...

Napoli, niente prodigio: il sangue di San Gennaro non si è sciolto. Riposta la teca

Nemmeno alle 18.30 il prodigio si è ripetuto, il sangue di San Gennaro è rimasto solido e la teca che conserva la reliquia del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook