Federproprietà Napoli

Portici, neonato ricoverato con lesoni e ustioni: arrestati i genitori

Pubblicità

Abbandono di minori e maltrattamenti con lesioni gravissime. Queste le accuse con cui sono stati arrestati nella notte i genitori di un bambino nato in un’abitazione di Portici (Napol) quattro giorni fa e ricoverato all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli per lesioni e ustioni.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I militari della stazione di Portici e della sezione operativa della compagnia di Torre del Greco hanno arrestato C. B. e A. T., rispettivamente di 46 e 36 anni. L’uomo è stato portato al carcere di Poggioreale, mentre la donna è piantonata nel reparto di psichiatria dell’Ospedale del Mare.

Il piccolo intanto, ricoverato al Santobono di Napoli in prognosi riservata con lesioni da parto e ustioni sul corpo, è stato sottoposto a intervento chirurgico. I carabinieri hanno scoperto l’accaduto ieri pomeriggio, dopo essere stati allertati dal 46enne compagno della madre.

I militari sono intervenuti in un’abitazione in via Diaz a Portici, dove hanno trovato la donna, che aveva partorito da sola in casa tre giorni prima, e il neonato che aveva riportato lesioni da parto mai medicate. Il 118 ha trasportato il bambino all’ospedale pediatrico Santobono e la madre, una 36enne con problemi psichici, all’Ospedale del Mare, dove è attualmente piantonata nel reparto Psichiatria. Il 46enne è stato invece portato al carcere di Poggioreale.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Reggio Emilia, sparatoria in piazza: fermato un uomo per tentato omicidio

La squadra mobile ha arrestato una persona ritenuta responsabile della sparatoria avvenuta ieri sera, intorno alle 23.30, a piazza del Monte, in pieno centro...

Sabino Morano presenta Amintore Fanfani

Presso il circolo della stampa di Avellino, alle ore 18.30, Sabino Morano presenta il volume "Le origini dello spirito capitalistico in Italia" riedizione anastatica,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook