Federproprietà Napoli

Portici, neonato ricoverato con lesoni e ustioni: arrestati i genitori

Pubblicità

Abbandono di minori e maltrattamenti con lesioni gravissime. Queste le accuse con cui sono stati arrestati nella notte i genitori di un bambino nato in un’abitazione di Portici (Napol) quattro giorni fa e ricoverato all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli per lesioni e ustioni.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I militari della stazione di Portici e della sezione operativa della compagnia di Torre del Greco hanno arrestato C. B. e A. T., rispettivamente di 46 e 36 anni. L’uomo è stato portato al carcere di Poggioreale, mentre la donna è piantonata nel reparto di psichiatria dell’Ospedale del Mare.

Il piccolo intanto, ricoverato al Santobono di Napoli in prognosi riservata con lesioni da parto e ustioni sul corpo, è stato sottoposto a intervento chirurgico. I carabinieri hanno scoperto l’accaduto ieri pomeriggio, dopo essere stati allertati dal 46enne compagno della madre.

I militari sono intervenuti in un’abitazione in via Diaz a Portici, dove hanno trovato la donna, che aveva partorito da sola in casa tre giorni prima, e il neonato che aveva riportato lesioni da parto mai medicate. Il 118 ha trasportato il bambino all’ospedale pediatrico Santobono e la madre, una 36enne con problemi psichici, all’Ospedale del Mare, dove è attualmente piantonata nel reparto Psichiatria. Il 46enne è stato invece portato al carcere di Poggioreale.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

La strategia di Conte per tirare a campare

Era il 26 marzo 2020 ed in quella occasione il Presidente del Consiglio Conte si lasciò andare più volte, con serafica disinvoltura, ad espressioni...

Dpcm, Musumeci: «Sicilia ‘zona arancione’ assurdità. Perché colpire imprese siciliane?»

Il nuovo dpcm presentato ieri sera dal premier Giuseppe Conte sta scontentando un po' tutti. Non è piaciuto, ma era scontato, nemmeno al presidente...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook