Federproprietà Napoli

Covid-19, in Campania un caso su quattro ha la ‘variante inglese’. L’Unità di Crisi: «Servono controlli e vaccini»

Pubblicità

In Campania, un caso su quattro di Covid-19 è della cosidetta ‘variante inglese’. L’allarme è stato lanciato dall’Unità di Crisi della Regione che ha avviato «un’indagine mirata per l’analisi dell’aumento dei campioni positivi registrati in Campania nelle ultime settimane, in relazione a possibili varianti del virus».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Lo studio di sorveglianza epidemiologica – afferma un comunicato -, condotto da Istituto Zooprofilattico, Tigem e Cotugno, prende in esame la diffusione territoriale del contagio attraverso il campionamento dei casi positivi, e ha già verificato che la percentuale di incidenza della cosiddetta ‘variante inglese’ in Campania, in media con quella nazionale, è attestata al 25%».

Per questo motivo l’Unità di Crisi invita a «mantenere altissima la guardia» e sottolinea come sia necessario da parte del ministero dell’Interno, delle Forze dell’Ordine e del Governo «un lavoro ancora più intenso di controllo sui territori e sui contatti diretti dei positivi con variante inglese».

«È in atto un’azione di monitoraggio costante sulla diffusione di varianti, ed è ancora più urgente che vi siano a disposizione i vaccini necessari per continuare in maniera sempre più massiccia la campagna di vaccinazione in corso» conclude la nota dell’Unità di Crisi.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, 27 dipendenti positivi: stop alle attività di un’azienda agricola a Falciano del Massico

Sono 28 i casi di coronavirus emersi dalla seconda attività di screening, con esecuzione di circa 3mila tamponi, attivata dopo la scoperta del focolaio...

Assoluzione Nonno, Schifone: «FdI ha sempre creduto nella sua innocenza»

Per Luciano Schifone la «Destra si oppose al folle piano del centrosinistra» «Non solo sono più che felice sul piano umano per la fine del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook