Federproprietà Napoli

Le rivelazioni di un pentito: «Maria Chindamo uccisa e fatta a pezzi per punizione»

Pubblicità

Sarebbe stata uccisa ed il suo corpo dato in pasto ai maiali o macinato con un trattore Maria Chindamo, l’imprenditrice 44enne scomparsa il 6 maggio del 2016 nelle campagne di Limbadi, piccolo comune di 3.340 abitanti della provincia di Vibo Valentia in Calabria.

Pubblicità Federproprietà Napoli

A rivelarlo alla Dda di Catanzaro è stato il collaboratore di giustizia Antonio Cossidente, ex componente del clan dei Basilischi, in Basilicata.

Maria Chindamo, secondo quanto ha riferito Cossidente, sarebbe stata uccisa per punizione perché si sarebbe rifiutata di cedere un terreno a Salvatore Ascone, indagato per l’omicidio dell’imprenditrice.

Le dichiarazioni di Cossidente sono state acquisite agli atti del processo per le presunte pressioni sul collaboratore Emanuele Mancuso da parte dei suoi familiari per farlo ritrattare. A raccontare a Cossidente i fatti legati alla scomparsa di Maria Chindamo sarebbe stato proprio Emanuele Mancuso, figlio del boss Pantaleone.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, Azione appoggerà candidatura di Bassolino. Calenda: «C’è bisogno di persone capaci. Non del M5S»

Il candidato sindaco di Roma approva la corsa a Palazzo San Giacomo dell'ex governatore della Campania Carlo Calenda boccia senza se e senza ma un'amministrazione...

Caso Open Arms, Matteo Salvini rinviato a giudizio a Palermo

Caso Open Arms, il leader della Lega Matteo Salvini è stato rinviato a giudizio per sequestro di persone e rifiuto di atti di ufficio...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook