Federproprietà Napoli

Castellammare di Stabia, carabiniere colpito con caschi e sedie: condannati gli aggressori

Pubblicità

Aggredirono un appuntato dei carabinieri, ad agosto scorso, nel cuore della movida di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Lo colpirono violentemente solo perché era aveva provato a sedare una rissa.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Quella domenica Giovanni Ballarò non era in servizio ma decise di intervenire comunque per bloccare una lite scoppiata dopo un tamponamento tra scooter, finendo a sua volta aggredito malgrado si fosse qualificato come un rappresentante delle forze dell’ordine. Fu colpito ripetutamente, con caschi, calci e sedie. Una violenza inaudita, che però rimase impressa nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza.

A distanza di quattro mesi i ‘protagonisti’ dell’aggressione sono stati condannati. Ieri, presso il Tribunale di Torre Annunziata, si è concluso il processo con rito abbreviato e sono state comminate sei condanne.

Il giudice Maria Concetta Criscuolo ha inflitto 7 anni e 2 mesi a Ferdinando Imparato (nipote di un elemento di spicco della camorra locale), a Pio Lucarelli (anche lui figlio di un esponente del clan D’Alessandro e nipote di un boss); Carmine Staiano, Giovanni Salvato e Antonio Longobardi. Tre anni e 8 mesi di carcere invece per Manuel Spagnuolo, che non prese parte all’aggressione ma rubò il marsupio del carabiniere durante il pestaggio.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Polizia, Roberto Massimo nuovo segretario generale U.S.I.P. per Napoli e provincia

Roberto Massimo è il nuovo segretario generale di Napoli e provincia della U.S.I.P. (Unione Sindacale Italiana Poliziotti), unico sindacato di categoria riconosciuto dalla U.I.L....

Movida, M. Schifone (Fdi): «Restrizioni e chiusura locali, ma i centri sociali chi li controlla?»

«Si è  deciso di imporre la chiusura dei luoghi della movida dalle discoteche alle sale da ballo e multare i gestori dei locali o...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook