Federproprietà Napoli

Mes, De Bertoldi (FdI): «Gualtieri faccia chiarezza sulle condizionalità, la sua maggioranza è spaccata»

Pubblicità

«Il ministro Gualtieri è in evidente difficoltà sul Mes perché sa che la sua maggioranza è spaccata e per questo non si è presentato in aula. Oggi in audizione in Commissione congiunta lo abbiamo chiamato a rispondere sulle condizionalità, che possono essere cambiate solo con un trattato internazionale». Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Andrea de Bertoldi, segretario della commissione Finanze, intervenuto oggi in audizione col ministro Gualtieri in sede di Commissione congiunta.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Cosa ha da dirci signor ministro? Il Mes prevede un ammontare sottoscritto dall’Italia per 125 miliardi, ne abbiamo versati circa 14 e potremmo essere chiamati a doverne rimborsare 110 in pochi giorni» dice de Bertoldi.

«Vogliamo chiarezza per i cittadini italiani, una chiarezza chiesta più volte e mai ottenuta, anche alla luce del fatto che i suoi compagni di partito Letta e Sassoli hanno chiaramente detto no a questo Mes e quando hanno parlato di riforma, ne hanno parlato per farlo diventare uno strumento comunitario con fondi trasferiti nel bilancio Ue di fatto per la cancellazione del debito covid».

«Aspettiamo infine chiarezza anche sul direttorio che, secondo lo schema attuale, dovrebbe gestire i fondi Mes restando immune ad ogni tipo di giudizio», conclude.

Pubblicità

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Conte non trova costruttori per la nuova maggioranza. Intanto il centrodestra va al Quirinale

La crisi di governo non si sblocca. Ad oltre 48 ore dalla fiducia risicata in Senato la ‘nottata’ per Giuseppe Conte non è terminata...

Torre Annunziata, netturbino ferito con una pistola ad aria compressa. Ascione: «Azioni gravissime»

Il fatto è avvenuto intorno alle 4 di lunedì 23 agosto tra via Caracciolo e via Porto Un dipendente della "Prima Vera srl", società che...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter