Turismo, Fratelli d’Italia: «Dichiarare subito stato di crisi per il settore»

«Giorno dopo giorno assistiamo alla chiusura progressiva di migliaia di imprese legate al settore turistico che non resistono al Covid 19 e alle misure varate dal governo. La grande sofferenza di un intero comparto, che da solo generava oltre il 13% del PIL solo un anno fa, deve essere supportata realmente e non a chiacchiere come sta facendo il Governo ora». Lo dichiarano Riccardo Zucconi deputato di Fratelli d’Italia, il responsabile nazionale del Dipartimento turismo di FdI Gianluca Caramanna e gli assessori regionali di FdI con delega al turismo Gianni Berrino (Liguria), Lara Magoni (Lombardia), Manlio Messina (Sicilia), Fausto Orsomarso (Calabria).

Pubblicità

«Le misure previste dal Decreto Ristori – spiegano – sono totalmente insufficienti per le strutture ricettive, i pubblici esercizi, le agenzie di viaggio e i tour operator. Fratelli d’Italia torna a chiedere a gran voce al Ministro Franceschini la dichiarazione dello stato di crisi del Turismo».

«In molte regioni governate dal centrodestra in questi mesi si è cercato di tamponare con proprie risorse una situazione drammatica, ma senza un reale ed un congruo intervento dello Stato centrale, non si potranno mettere in salvo migliaia di imprese, lavoratori e famiglie. Per una volta questo Governo prenda una decisione saggia e cerchi di mettere al sicuro il comparto turistico, il vero traino dell’economia italiana, dichiarando lo stato di crisi», concludono.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Incidente stradale sull’asse mediano: deceduta una persona

Coinvolti due scooter Una persona è deceduta ed un'altra è rimasta ferita in un incidente stradale - che ha coinvolto due scooter - avvenuto lungo...

Cultura, presentate 600 opere rimpatriate dagli Stati Uniti

Hanno un valore economico stimato in circa 60 milioni di euro Sono state presentate oggi, a Roma, all’Istituto Centrale per il Restauro, 600 opere d’arte...