Campania, De Luca: «Zona gialla decisa ieri, ora urgono provvedimenti rigorosi»

Secondo il governatore della Campania Vincenzo De Luca il gioco delle tre carte, o meglio delle tre zone, è già concluso. «Vedo che sugli organi di informazione si è creata un’attesa di decisioni riguardanti la Regione Campania» afferma. «La collocazione di fascia della Campania è già stata decisa ieri, a fronte della piena rispondenza dei nostri dati a quanto previsto dai criteri oggettivi fissati dal ministero della Salute».

Pubblicità

La presenza dei tecnici del ministero della Salute nella regione sarebbe da ricondurre alle sollecitazione del governatore «per eliminare ogni zona d’ombra, anche fittizia. Dunque, non c’è più nulla da decidere e da attendere».

«Riconfermo altresì – spiega – che sulla linea di rigore sempre seguita dalla Regione, solleciterò nelle prossime ore e nei prossimi giorni i ministeri dell’Interno e della Salute ad assumere provvedimenti rigorosi per il rispetto delle regole e per il contrasto all’epidemia».

Pubblicità Federproprietà Napoli

E poi ritorna sugli assembrambenti dei giorni scorsi. «Non sono assolutamente tollerabili immagini come quelle del lungomare di Napoli, o di strade e quartieri abbandonati a se stessi, nei quali si continuano a violare le norme senza che nessuno di quelli che hanno il dovere di impedirlo muova un dito. Non è tollerabile che il lavoro straordinario fatto sul piano sanitario e ospedaliero, a tutela della vita delle persone, sia inficiato da un contesto ambientale che si muove nel segno della irresponsabilità istituzionale e comportamentale».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Fisco, arriva la riforma delle sanzioni: addio alle maxi-multe del 240%

Le multe saranno proporzionate all'importo Sanzioni più leggere per le violazioni in materia di tasse. Dalla dichiarazione fiscale omessa o infedele ai casi in cui...

Torre Annunziata, Mariantonietta Zeppetella: «Da altre coalizioni dato politico sconcertante»

La candidata del M5S: «La verità è che si è perso anche il senso del comune pudore» «Il panorama elettorale offre un quadro davvero desolante...