Napoli, minacce ed estorsioni al titolare di una pizzeria: in manette 2 dei Contini

Minacce, continue, per costringerlo a pagare il pizzo. Parole ma anche fatti quelli messi in atto da due uomini, secondo gli inquirenti contigui al clan Contini, nei confronti di un pizzaiolo di Napoli che, alla fine, ha deciso di denunciare tutto.

Pubblicità

C’è questo dietro l’arresto di Francesco Laezza e di Salvatore Sacco. Secondo quanto ricostruito i due dallo scorso mese di giugno hanno iniziato a prendere di mira il titolare di una pizzeria del quartiere Vasto-Arenaccia. In un’occasione hanno anche tentato di danneggiare la porta di ingresso: episodio che, grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza, ha consentito l’arresto dei due da parte della squadra mobile.

Dalle indagini è emersa anche la pretesa del pagamento della tangente in occasione delle festività di Pasqua, Natale, Ferragosto. La pizzeria era già in fase di chiusura quando le estorsioni sono iniziate: il titolare, che aveva già deciso di trasferirsi altrove, ha denunciato quanto stava accadendo alla polizia.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Europee, Sangiuliano: «Vogliamo Ue efficiente e vicina ai cittadini»

Il ministro: «Auspico che vadano a votare quante più persone possibile» «Noi lavoriamo anche per cambiare l’Europa perché noi crediamo nell’Europa». Lo ha detto il...

Fondazione Banco di Napoli, protocollo con il Comune per valorizzare la zona dei musei

In programma ci sono progetti culturali e attività di tutela dei beni Progetti culturali, attività di tutela dei beni architettonici, ambientali e paesaggistici della città,...