Federproprietà Napoli

Csm, Palamara radiato dalla magistratura: applicata la sanzione massima prevista

Pubblicità

Luca Palamara è stato radiato dalla magistratura. La Sezione disciplinare del Csm lo ha condannato alla sanzione massima prevista, accogliendo la richiesta della Procura generale della Cassazione. Si tratta del primo ex consigliere del Csm ed ex presidente dell’Associazione magistrati ad essere rimosso dall’ordine giudiziario.  La sentenza è stata emessa dopo una camera di consiglio durata due ore e mezza.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Erano stati ieri i rappresentanti della procura generale della Cassazione a chiedere la sanzione massima – impugnabile davanti alle Sezioni Unite della Cassazione – accusando Palamara soprattutto di aver “pilotato” per interessi personali la nomina del procuratore di Roma e contestandogli una strategia di discredito a danno del procuratore aggiunto Paolo Ielo.

La vicenda al centro del processo è la riunione notturna all’hotel Champagne del 9 maggio del 2019, nella quale secondo l’accusa Palamara, cinque consiglieri del Csm (tutti dimessi e ora a processo disciplinare) e i politici Luca Lotti e Cosimo Ferri discussero le strategie sulle future nomine ai vertici delle procure. Riunione intercettata con un trojan nel cellulare di Palamara, che era finito sotto inchiesta a Perugia e ora è imputato per corruzione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Attentato in Congo, salme arrivate in Italia. Di Maio: «Vile agguato, abbiamo chiesto risposte chiare»

Sono arrivate durante la notte a Ciampino le salme dell'ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in un vile attentato nel corso...

Furti d’auto e ricettazione: eseguite 18 misure cautelari

I «colpi» compiuti tra le province di Caserta, Napoli, Avellino e Benevento Avrebbero compiuto almeno 84 furti d’auto tra le province di Caserta, Napoli, Avellino...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook