Federproprietà Napoli

Pedopornografia, foto e video di minori nudi in chat: sei persone indagate

Pubblicità

Detenzione e divulgazione di materiale pornografico minorile. Con questa accusa sei persone sono state denunciate dalla Polizia postale e delle Comunicazioni di Catania e Messina. Le indagini, coordinate dalla Procura distrettuale di Messina e sotto la direzione del centro nazionale contrasto pedo pornografia on line del servizio polizia postale e delle comunicazioni, sono scattate dopo la denuncia della madre di un adolescente, residente nella provincia peloritana.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La donna si era accorta della presenza sullo smartphone della figlia di diverse sessioni di chat effettuate con singoli utenti, con scambio di foto e video di minori nudi in pose erotiche. Gli agenti hanno acquisito con sofisticate strumentazioni forensi il contenuto del telefono e, in particolare, delle comunicazioni WhatsApp.

«Sono in corso, comunque, approfondimenti per verificare la condotta di adescamento», spiegano gli investigatori. Oltre ai sei indagati maggiorenni, sono stati identificati alcuni utenti minori segnalati alla competente Procura per i minorenni. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati computer e smartphone, rinvenendo già in fase di perquisizione informatica immagini di pornografia minorile. Le province interessate dalle perquisizioni sono state: Messina, Catania, Palermo, Milano, Napoli e Teramo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, Manfredi: «Servono 600 milioni in tre anni. Norme non consentono equilibrio finanziario»

Il sindaco: «Il problema di Napoli non è solo di Napoli, che è la città più grande, ma ci sono tante altre città in...

Coronavirus, cala il numero delle persone positive: -2.809. Ma ci sono ancora 195 decessi

Sono 31.106 i morti in Italia dall'inizio dell'emergenza Coronavirus: di questi, secondo i dati della Protezione Civile, 195 sono deceduti nelle ultime 24 ore....

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook