Federproprietà Napoli

Scuola, la Lega presenta mozione di sfiducia per il ministro Azzolina

La Lega ha presentato al Senato una mozione di sfiducia nei confronti del ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina. «La disastrosa gestione della scuola del Ministro Azzolina sta tenendo in tensione famiglie, studenti e personale, un Ministro che ha perso molti mesi preziosi in chiacchiere, senza fornire alcuna certezza sul proprio destino a 8 milioni di studenti» si legge nel documento firmato da tutti i senatori del Carroccio.

Matteo Salvini

«Il Governo – continua – non ha alibi e l’incapacità di chi lo rappresenta pesa ormai irrimediabilmente sulla vita e sulla formazione dei nostri ragazzi. Servono risposte immediate, non c’è più tempo e senza ripartenza in sicurezza della scuola non riparte l’intero Paese». La Lega «visto l’articolo 94 della Costituzione e visto l’articolo 161 del Regolamento esprime la propria sfiducia al ministro dell’istruzione, onorevole Lucia Azzolina, e la impegna a rassegnare le proprie dimissioni».

Nel mirino del partito di Matteo Salvini anche la tesi di Laurea e la carriera. «C’è il dubbio – scrivono nella mozione – che la Ministra Azzolina abbia commesso reato di plagio e di violazione del diritto d’autore, copiando da opere altrui interi brani (complessivamente sarebbero più di 40) sia nella sua tesi per la Scuola di Specializzazione all’Insegnamento Secondario, discussa all’Università di Pisa nel 2010, sia nelle due tesi di primo e di secondo livello, discusse all’Università di Catania, mettendo per giunta in vendita i tre elaborati su un sito specializzato»

Pubblicità

Ma la Lega accusa anche l’Azzolina di essersi autoassunta. «Come segnalato dallo stesso Arcangeli in due articoli del 12 e del 14 agosto pubblicati dal Giornale, risulterebbe essersi di fatto anche ‘autoassunta’ a dirigente scolastico, poiché la ministra è già ora in posizione utile per essere chiamata a rivestire quel ruolo dopo il via libera del Ministero all’assunzione di 458 nuovi Ds per l’anno scolastico 2020-2021».

«Il TAR ha emesso una sentenza di annullamento dell’intera prova del concorso a cui il Ministro ha partecipato, se il Consiglio di Stato il prossimo 15 ottobre dovesse confermare quanto previsto dal Tar Lazio, si potrebbe sostanziare una situazione di palese conflitto di interessi» si legge nel documento con primo firmatario Matteo Salvini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Ex Cirio. Pentangelo (FI): «Sono esterrefatto. Ho sempre rispettato la legge». Cesaro: «Fiducia nella Magistratura. Chiarirò la mia estraneità ai fatti»

«Resto esterrefatto nell’apprendere la notizia di un mio paventato coinvolgimento in ipotesi di reato per una vicenda della quale viene fornita, per la mia...

L’Eurogruppo ci regala un “pacco”: Mes senza condizione (si fa per dire), e la Consulta tedesca considera l’Europa un lander teutonico

Mes: ma che cosa hanno da festeggiare, gli euroeuforici o meglio, gli eurosudditi del Pd e gli euro(quasi)scettici(manontroppo) del M5S? Tanto più, al termine...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook