Appalti Rfi al clan de Casalesi: Francesco Schiavone sarà ascoltato in aula

Francesco Schiavone «Sandokan» inserito nella lista testi

Figura anche il neo collaboratore di giustizia Francesco Schiavone «Sandokan» nella lista testi indicata dal pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Graziella Arlomede al processo per gli appalti Rfi finiti in cambio di soldi e regali a ditte ritenute colluse con il clan dei Casalesi. Si tratta del «troncone» napoletano del processo – si è svolto al tribunale di Napoli davanti al collegio presieduto da Michele Ciambellini – in cui la figura chiave è il 70enne Nicola Schiavone, imprenditore e soprattutto amico di vecchia data di Sandokan, di cui ha battezzato il figlio primogenito.

Pubblicità

Con il fratello Vincenzo, il 70enne Schiavone risponde di intestazione fittizia, accusato dalla Dda di aver fatto da prestanome, con i suoi familiari ed altre persone, dei beni di Sandokan, addirittura dagli anni ‘70, e di aver tenuto contatti ad alto livello, sia politici che istituzionali, per conto del clan; contatti come quello con Rete Ferroviaria Italiana, che avrebbe permesso al clan di aggiudicarsi numerosi appalti ferroviari.

Le accuse

Le dichiarazioni di Sandokan sono dunque fondamentali per l’ipotesi della Procura; da altri processi e accuse Nicola Schiavone è sempre uscito indenne, anche dal maxi-processo al clan dei Casalesi «Spartacus», in cui era imputato con il fratello Vincenzo (condannato a due anni). Altri imputati rispondono di corruzione (i funzionari di Rfi), turbativa d’asta, riciclaggio con l’aggravante della metodologia mafiosa e rivelazione di atti coperti dal segreto delle indagini.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’udienza è stata rinviata al 24 giugno prossimo per alcuni vizi di notifica. Nicola e Vincenzo Schiavone sono imputati anche per associazione camorristica nell’altro ramo del processo per gli appalti Rfi che si sta celebrando al tribunale di Santa Maria Capua Vetere (prossima udienza 15 maggio).

Setaro

Altri servizi

Sequestro Pellini, il giudice: «Prosperato agendo in concorrenza con clan»

Confermata «pericolosità sociale» dei Pellini I nuovi accertamenti economico-patrimoniali delegati al GICO della Guardia di Finanza di Napoli, che hanno portato al nuovo decreto di...

Riforma della Giustizia in dirittura d’arrivo: nodo Csm

Resta l’obbligatorietà dell’azione penale Un compromesso sulla riforma della Giustizia, più morbida rispetto a quanto prospettato all’inizio ma anche più decisa ad eliminare il rischio...