Scuola, in Campania è caos: spunta l’ordinanza fake. Iannone (FdI): «Vincenzo Azzolina e Lucia De Luca rinvieranno inizio anno scolastico»

Continua la polemica e la confusione in Campania attorno alla data di riapertura della scuola. Il governatore De Luca, anche oggi, ha ribadito che allo stato attuale non ci sono le condizioni per riaprire il 14 settembre come stabilito dal Governo di Roma. Nel caos spunta anche un piccolo ‘giallo’. Da oggi pomeriggio sta girando, infatti, un’ordinanza che a prima vista sembrerebbe emanata dalla Regione.

Pubblicità

Un’ordinanza che stabilisce la riapertura degli istituti per il prossimo 24 settembre e che sta circolando velocemente nelle chat delle mamme che sono preoccupate per l’inizio del nuovo anno. Un documento però che, secondo quanto affermato dall’assessore regionale Lucia Fortini, sarebbe un falso. «Da qualche ora gira in rete un documento falso. Voglio comunicare ufficialmente a tutti che l’ordinanza n.4 del 4 settembre 2020 è una FAKE NEWS» ha scritto sui social l’assessore. Poche ore però che hanno contribuito a mandare ancora più nel panico e nella confusione i genitori campani. «Ma ufficialmente quando riaprono le scuole in Campania? Ci stiamo confondendo un attimo» chiede Carmela sotto il post dell’esponente della giunta De Luca. Tanti i messaggi simili

Scuola, Iannone: «Pd e M5S due facce della stessa medaglia»

«La scuola in Campania non riprenderà il 14 settembre. Pd e M5S sono le due facce della stessa medaglia. L’ordinanza che gira sarà anche fasulla ma chi ci assicura che lo sarà anche il contenuto?» afferma il senatore di Fratelli d’Italia Antonio Iannone. «Alla fine si dirà elezioni Sì e scuola No. A questo punto un altro bluff viene svelato perché non è pronto nulla: ministro e governatore possono scambiarsi nome e cognome». conclude il commissario regionale di FdI in Campania.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Fondi Ue, l’alert della Corte dei Conti: «Serve responsabilità, sono debito pubblico»

L'invito dei magistrati: sforzo condiviso di buona amministrazione sia a livello nazionale che locale L’Italia oggi non è soltanto un «prenditore» di fondi europei in...

Gratteri contro Geolier: «Cantanti col mitra danno lezioni, non posso tacere»

Il procuratore torna sull'invito del cantante alla Federico II «Le mafie sono come un’azienda: hanno bisogno di pubblicità. Su Tik tok si fanno vedere ricchi...