Federproprietà Napoli

Campania, il governatore De Luca: «Non ci sono condizioni per riaprire le scuole in sicurezza»

La Campania verso il rinvio dell’apertura dell’anno scolastico. Lo ha spiegato il governatore Vincenzo De Luca nella ormai classica diretta social del venerdì. «Sulla scuola c’è una distanza enorme tra parole e la realtà concreta» ha spiegato. «Ricordiamo – dice – che questo argomento è di competenza nazionale, la Regione interviene solo per quanto riguarda il calendario e stiamo facendo molto di più rispetto ai nostri compiti istituzionale. Ad oggi la situazione non è tale per aprire il 14 settembre. All’inizio della prossima settimana prenderemo la decisione definitiva».

«In queste ore – ha aggiunto – stiamo cercando di fare arrivare in Campania più materiale possibile, banchi singoli, strumenti igienico sanitari, risorse per aprire in sicurezza. Se avessimo deciso qualche settimana fa di ritardare l’apertura, qui in Campania non sarebbe arrivato niente».

De Luca ancora una volta in aperta polemica con Roma sulla decisione di far espletare la misurazione della temperatura a casa. «L’orientamento del Governo lo considero sbagliato, per questo la nostra regione si muoverà in maniera diversa. Abbiamo deciso di stanziare un bonus di 3000 euro per le scuole perché si dotino di misuratori di temperatura. Per i test seriogologici il Governo ha deciso che si faranno su base volontaria. Credo sia sbagliato, deve essere obbligatorio in tutte le scuole. Le famiglie devono mandare negli istituti i figli in totale sicurezza. Servono test più rapidi che diano risultati nel minor tempo possibile».

Scuola, De Luca: «Era giusto stabilizzare il personale precario»

Lucia Azzolina

Pubblicità

Il governatore accusa, per l’ennesima volta, il ministro Azzolina di aver compiuto un errore grave sul personale decente in campo per questo nuovo anno scolastico. «Mai come in questa occasione – dice De Luca – sarebbe stato giusto stabilizzare il personale precario. E poi dobbiamo anche fare i conti col personale ‘fragile’ che ha problemi di salute che si metterà in malattia e non prenderà servizio. Quindi non sappiamo nemmeno quanti operatori avremo a disposizione per l’apertura. Si dice che aumenteranno il personale per il covid per un anno. Non ha alcun senso, prendiamo decisioni che diano serenità e non ulteriore precarietà».

«In Campania abbiamo grossi problemi anche sul trasporto scolastico. La regione ha chiesto di avere l’autorizzazione per utilizzare anche i mezzi delle società private di trasporto perché non bastano gli scuolabus. Ci hanno detto di si, ma i soldi non sono mai arrivati», ha aggiunto De Luca. «Per tutte queste incognite, decideremo la settimana prossima quello che è più giusto per dare avvio all’anno scolastico in condizioni di sicurezza».

Il presidente della Regione ha annunciato anche il via libera ai tamponi effettuati dai laboratori privati che dovranno rispondere alle richieste di aziende private o società sportive. «Abbiamo fissato il prezzo dei tamponi a 62,80 euro prendendo spunto da quanto fatto in Lombardia in attesa di una regolamentazione nazionale». L’obiettivo è aumentare la quantità giornaliera di test processati e per questo è prevista la programmazione di un bando per macchinari in grado di analizzare dai 10mila ai 12mila tamponi ogni 24 ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità

Altri servizi

Raffaele Cutolo trasferito in ospedale, peggiorano le condizioni dell’ex boss Nco

Il fondatore della Nuova Camorra Organizzata, Raffaele Cutolo, 78 anni da giovedì è stato trasferito dal carcere di Parma in ospedale, a quanto pare...

Coronavirus, Caldoro: «Sicilia e Calabria hanno avuto meno vittime della Campania»

«Lasciamo fuori Dio dalla campagna elettorale! Non si governa con le battute specie quelle di cattivo gusto. Perché il mio successore - invece di...

Gli articoli più letti

Paolo Anania De Luca: «Il patriota-scienziato che onorò l’Irpinia» e il Sud

Una leggera brezza rendeva la nostra mattinata di lavoro meno pesante del solito. Le temperature estive infatti, sono sempre le più ardue da sopportare...

Coronavirus, atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e forniture sanitarie

E' atterrato ieri, in tarda serata, il volo dalla Cina che ha portato in Italia medici, aiuti e forniture mediche contro il Coronavirus. «Quasi...

Camera e Senato online per evitare il Coronavirus? No, il Parlamento non è il televoto

E’ emergenza lavori parlamentari Lo abbiamo scritto proprio su questo giornale, al di là dell’emergenza sanitaria da Coronavirus e di quella economica, a cui il...

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook