Federproprietà Napoli

Arriva in libreria ‘Rigore per la Juve!’, il nuovo lavoro di Paolo Trapani

Pubblicità

E’ in libreria, pubblicato da Magenes editoriale, nella collana ‘Voci dal Sud‘, il libro ‘Rigore per la Juve! Storie, aneddoti e stastiche sulla squadra più amata-odiata d’Italia’, scritto dal giornalista Paolo Trapani. L’autore spiega: «Dopo il successo di ‘Maledetta Juve’, il pamphlet ironico pubblicato nel 2017 che ha avuto diverse ristampe, con l’editore abbiamo pensato a questo nuovo libro sui ‘non colorati’».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Si tratta di un’opera – continua l’autore – che conserva l’irriverenza e la goliardia del libro precedente, ma al tempo stesso non sottace il momento storico-calcistico di questi anni che vedono la Juventus come la squadra con più tifosi, ma al tempo stesso più odiata (calcisticamente parlando) d’Italia. L’avversione sportiva verso la Juve mette ormai insieme più della metà dell’Italia del pallone, basti guardare ai ‘festeggiamenti’ che ovunque si celebrano quando i bianconeri perdono un match o un trofeo importante».

«In questo nuovo libro – spiega -, con leggerezza ed in maniera sintetica, provo a spiegare perché, secondo il mio punto di vista, la Juventus è oggi il club più detestato, perché in questa fase storica accentra tanto potere e sopratutto perché è una squadra che non può fare a meno della vittoria, che non rappresenta più il fine ultimo della competizione sportiva, come avviene per ogni club, ma costituisce il mezzo principale che i bianconeri utilizzano per cercare di affermare la propria identità calcistica».

«I ‘non colorati’, come li chiamiamo a Napoli, rappresentano uno straordinario paradosso: sono praticamente l’unico club di calcio al mondo a non avere un radicamento territoriale ed un legame viscerale con una città. Nel football, da sempre e ovunque, ogni squadra ha un forte legame con un luogo, un’area geografica ben definita. Nel caso della Juve, invece, tutto questo non avviene. In Piemonte ad esempio c’è soltanto il 10% dei sostenitori bianconeri. Nel libro spiego perché questo paradosso contribuisce, oggi, a fare dei bianconeri un club inviso da milioni di sportivi e tifosi» conclude Trapani.

Leggi anche:  Salvatore Sirigu al Napoli: De Laurentiis ufficializza l'acquisto
Pubblicità

Il libro di Paolo Trapani è pieno di statistiche e numeri sulla Juventus, raccoglie aneddoti curiosi e goliardici sfottò anti-juventini. Inoltre, nelle pagine di ‘Rigore per la Juve!’, si raccolgono le testimonianze dei tifosi bianconeri cosiddetti ‘pentiti’ della propria fede. Tema importante poi è lo spinoso ed annoso problema degli arbitri. I bianconeri per la gran parte degli sportivi sono la squadra più aiutata dai direttori di gara. Sono tantissime le partite ed i match decisivi per i successi della Juventus nei quali gli arbitri finiscono nel tritacarne delle polemiche e dei resoconti avvelenati.

Naturalmente per i tifosi della ‘Vecchia Signora’ non ci sarebbe nessun vantaggio ottenuto con le decisioni degli arbitri, per tutti gli altri tifosi invece senza i direttori di gara la Juventus avrebbe molti meno titoli in bacheca.

Nella nuova opera editoriale di Trapani, inoltre, grazie all’importante contribuito del giornalista e blogger napoletano Maurizio Zaccone, c’è un’ampia raccolta di giornali che vanno dagli anni ’70 ad oggi: con una rassegna stampa snella e sintetica i lettori del libro hanno un resoconto storico completo di ciò che da sempre avviene in Italia a proposito dei successi sportivi dei bianconeri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Contratto Sanità, 91euro in più e bonus incarichi

Riguarda 545mila persone. A infermieri fino a 170 euro Un riconoscimento importante, e da molti definito "dovuto", dopo due anni e mezzo di pandemia vissuti...

Ue, Fitto (Ecr-Fdi): «Agenda europea si concentri su priorità reali»

Fitto: «Qualcuno crede di poter utilizzare i Trattati a proprio piacimento per punire chi ha idee diverse rispetto al pensiero unico di Bruxelles» «Tutti gli...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook