Federproprietà Napoli

Il Decreto Conte, un attentato ai diritti individuali

Pubblicità

Ma in quale Paese viviamo? Nessuno ha fatto attenzione al decreto del governo Conte per sanare i guai italiani. Si tratta di 500 pagine di chiacchiere vuote che promettono soldi per tutti ma non ne danno a nessuno. Un decreto legge approvato proprio il 13 maggio, tre giorni dopo la liberazione della ragazza riscattata ai tagliagole somali con i soldi degli italiani, stranamente proprio quando l’attenzione era focalizzata sulle moine di Conte, Di Maio e ragazzotta stessa a Ciampino.

Un decreto di vuote parole

Pubblicità Federproprietà Napoli

Ad esempio si parla all’art. 183 di “tax credit”, rigorosamente in lingua inglese: 500 euro concessi ad ogni nucleo familiare, in contanti. Ma quale non è vero, è tutto un imbroglio. Si tratta di un credito fruibile all’80% sotto forma di sconto – se il fornitore è d’accordo però – del 20% non immediato ma come detrazione d’imposta da scaricare alla vostra prossima dichiarazione dei redditi.

Sono dei buffoni che si avvalgono della complicità di giornali e tivù per imbrogliare il popolo… Ma che fine ha fatto la democrazia in questo Paese?

Avete notato che a fronte di tanti morti per Covid, solo calciatori, politici e attori ne sono rimasti pressoché indenni? soltanto pochi privilegiati hanno avuto diritto ai tamponi, come appunto i calciatori che li fanno ogni quattro giorni, e altri pochi eletti, selezionati da chi ne ha il potere, per la gente comune il ricorso al tampone si configura come un reato .

Pubblicità

Ma soprattutto in questo Decreto Rilancio c’è un grave attentato alla democrazia di questo povero Paese: si legge che viene prorogato di sei mesi lo stato emergenziale. Vale a dire che l’Italia , per legge è in un’emergenza che consente leggi speciali e là sospensioni dei diritti individuali.

Leggi anche:  Amori ridicoli. Le scorie centriste sempre pronte alla poligamia e al concubinato

A tutto questo dobbiamo aggiungerci anche l’autorizzazione concessa all’Istat, istituto nazionale di statistica, per il trattamento dei dati personali e «persino genetici» per un’indagine di siero prevalenza e poter quindi scegliere individui da sottoporre ai controlli sierologici. Ma c’è di più, l’Istat per fare ciò deve schedare praticamente individui anche «longitudinali» – così ha specificato l’estensore del testo – rilevati per età, genere, ed attività economica nonché gli esercenti la responsabilità genitoriale dei minori e richiedere persino ai gestori delle delle reti telefoniche le utenze utilizzate.
Ma ci rendiamo conto? altro che Mengele, Allende o Pinochet….

La verità è che siamo entrati in un’era di violazione assoluta dei diritti umani, una violazione giuliva però, perché i cittadini non capiscono, o peggio, fingono di non capire.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

«Cartelle Pazze», l’erario chiede 11mila euro a un bambino di 3 tre anni per imposte arretrate

La Guardia di finanza ha denunciato due persone Un danno erariale per oltre 6,5 milioni di euro nell'accertamento e nella riscossione dei tributi con delle...

Coronavirus, meno di 300 pazienti in terapia intensiva. I nuovi casi sono 270. Zero positivi in 5 regioni

Sono meno di 300 i ricoverati in terapia intensiva in Italia. Questo il dato più significativo che emerge dal bollettino di oggi della protezione...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook