Picchiata brutalmente in una stanza d’albergo riesce ad avvisare il padre: arrestato il fidanzato

L’uomo ha avvisato i carabinieri che sono intervenuti

Picchiata in albergo approfitta di un momento di distrazione del fidanzato ubriaco e manda un messaggio al padre che a sua volta avverte i carabinieri: evitato il peggio a Giugliano in Campania, in provincia di Napoli, dove i carabinieri hanno arrestato un 39enne, nella stanza di un hotel di località Varcaturo trovata sporca di sangue. La donna era a terra: sul suo volto i segni delle percosse.

Pubblicità

I militari dell’arma hanno chiesto l’intervento del 118 che ha accompagnato la 35enne nell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. Dopo essere stata medicata la donna si è recata in caserma dove ha reso una denuncia nella quale ha raccontato quanto di terribile le era accaduto. La coppia si frequentava da un anno e mezzo: lui era «apparentemente affettuoso» ma si trasformava totalmente quando beveva. La relazione è stata così costellata di aggressioni, vessazioni e violenze che hanno causato alla donna fratture al braccio e al naso.

In un’occasione si è reso necessario anche un intervento chirurgico all’orecchio. Mani al collo per strangolarla, calci, morsi e schiaffi: così ha agito in altre circostanze il 39enne. Lei lo aveva denunciato già in tre occasioni ma poi aveva successivamente ritirato le querele nella speranza, rivelatasi infondata, di un suo cambiamento.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’ultimo episodio

L’ultimo episodio di violenza subito dalla donna nella stanza d’albergo. Lui inizia a bere e si impossessa dello smartphone della donna. L’uomo più beve e più diventa aggressivo. Le scenate di gelosia si trasformano in violenza. Calci, schiaffi, lei si ribella ma lui si oppone.

L’uomo chiude la porta a chiave e tenta di soffocarla con il cuscino, la donna combatte e cerca di chiedere aiuto ma lui le chiude la bocca con la mano. La vittima non si arrende e morde la mano del 39enne che la allontana e le sferra un ultimo calcio al fianco. Lei si accascia a terra, lui si ferma. In quegli attimi di silenzio la richiesta di aiuto al padre con un messaggio e poi l’arrivo dei carabinieri. L’arrestato si trova in carcere e dovrà rispondere di maltrattamenti.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ex Ilva, il ministro Urso: ingresso nuovi partner entro il 2024

Incontro con la vicepresidente della Commissione Ue per il prestito ponte da 320 milioni di euro Per Acciaierie d’Italia inizia la fase due: creare le...

In casa oltre 60 chili di sostanze stupefacenti: in manette padre e figlio

La droga conservata anche in frigorifero I carabinieri della stazione di Arpino di Casoria hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio padre...