Camorra a Brusciano, pusher ordina il caffè: arrestato da carabiniera mascherata da cameriera

«Lo hanno preso proprio come un pesce»

Figura anche un arresto eseguito da una carabiniera che si era travestita da cameriera tra quelli che i militari di Castello di Cisterna hanno eseguito nel corso delle indagini coordinate dalla Dda di Napoli che oggi hanno consentito di sgominare il clan Rega Piacente di Brusciano (Napoli).

Pubblicità

Nell’ordinanza con la quale il gip di Napoli Fabio Provvisier ha disposto le 41 misure cautelari figura anche una intercettazione nella quale una donna intercettata commenta l’arresto: «Lo hanno preso proprio come un pesce» cioé come uno stupido. Il pusher aveva ordinato un caffé e a portarglielo è stata proprio la carabiniera che poi lo ha anche arrestato. Il clan, inoltre, aveva a disposizione due abitazioni dove i pusher si dovevano rifugiare quando le vedette lanciavano il segnale (gridando «Mario, Mario») che segnalava l’arrivo delle forze dell’ordine. A mettere a disposizione le abitazioni sono gli indagati Enza Cipriani e Vincenzo De Donato entrambi stipendiati dal clan per questo loro servizio e destinatari di una misura cautelare in carcere.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Napoli-Genoa, ancora una delusione: è solo 1-1

Ngonge salva la squadra dalla figuraccia Il Napoli gioca con la convinzione e la rabbia che il momento richiederebbero soltanto nei minuti finali quando, trovandosi...

Braccianti presi a cinghiate e senza cure mediche: misura cautelare per 4 imprenditori

Sono accusati di sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina Non c’erano diritti, neanche i più basilari, per i braccianti agricoli stranieri impiegati nella...