Caso Karibu, moglie e suocera di Soumahoro davanti al gip. La Murekatete: «Non mi capacito»

La moglie del deputato sarebbe «molto provata»

«Non riesco a capire come sia potuto succedere tutto questo…». Liliane Murekatete, moglie del deputato ed ex sindacalista Aboubakar Soumahoro, da ieri è agli arresti domiciliari con l’accusa di bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio, misura disposta dal gip di Latina nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione di cooperative che si occupavano dell’accoglienza dei migranti e di minori non accompagnati. Stessa sorte è toccata alla madre di Liliane, Marie Therese Mukamatsindo, suocera di Soumahoro, il quale ieri è tornato a ribadire la sua «totale estraneità» alla vicenda chiedendo «nuovamente di rispettare la privacy di mio figlio».

Pubblicità

E mentre la stampa continua a snocciolare l’elenco delle spese per beni di lusso, che secondo il Gip di Latina sarebbero state effettuate con i fondi destinati all’accoglienza dei profughi, la donna di origini ruandesi – che oggi ha incontrato il suo avvocato Lorenzo Borrè – non nasconde la propria amarezza a chi ha avuto modo di interloquire con lei.

«Liliane è molto provata, non si capacita», racconta Borrè all’Adnkronos, annunciando l’intenzione di impugnare una misura cautelare che per la difesa appare spropositata a un anno di distanza dall’apertura dell’indagine: «Ancora non mi hanno notificato l’avviso di deposito dell’ordinanza che ha disposto le misure cautelari. Ho comunque avuto modo di leggere l’ordinanza dopo aver incontrato stamattina la signora Murekatete e – afferma il legale – presenteremo certamente istanza di riesame al Tribunale di Roma». Intanto è stata fissata l’udienza per l’interrogatorio degli indagati, che si svolgerà il 3 novembre alle ore 14.30.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ex Ilva, si alza lo scontro. Urso attacca: Arcelor Mittal non collabora

L’amministrazione straordinaria appare sempre più concreta Diventa sempre più esasperato il clima sul destino delle acciaierie di Taranto con il governo che accusa Arcelor Mittal...

Precipita da 3 metri d’altezza in un cantiere: 35enne deceduto nel Napoletano

È accaduto durante alcuni lavori di ristrutturazione Precipitato da un'altezza di tre metri, 35enne senza scampo nel Napoletano. Questa mattina l'uomo è stato portato, già...