Cardito, la morte del piccolo Giuseppe: Cassazione conferma l’ergastolo per Tony Essobti Badre

Nuovo processo di secondo grado per Valentina Casa

La Corte di Cassazione ha confermato l’ergastolo inflitto a Tony Essobti Badre, il patrigno di Giuseppe, il bimbo di otto anni ucciso a bastonate a Cardito, in provincia di Napoli, il 27 gennaio 2019. Badre era stato condannato anche per il tentato omicidio della sorellina più grande di Giuseppe.

Pubblicità

La Suprema Corte ha annullato invece l’ergastolo per Valentina Casa, madre della piccola vittima, e ha disposto il processo di secondo grado davanti a un’altra sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli.

«Soddisfazione» per la decisione presa nei confronti di Badre, è stata espressa dall’avvocato Clara Niola, legale di Cam-Telefono Azzurro (che si costituì parte civile), che, invece, esprime «amarezza per l’annullamento nei confronti della mamma». «Restiamo in attesa – conclude Niola – di conoscere le motivazioni per esprimere un commento su questa sentenza».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Internazionalizzazione sociale, confronto con il Rotary club Napoli

Presso la chiesa di San Giuseppe dei Nudi Il Rotary club Napoli presieduto da Renata Picone ha organizzato per il giorno 22 febbraio, alle ore...

Voragine in via Morghen, la Procura apre un fascicolo d’indagine

L'assessore Cosenza: «carenza di manutenzione negli ultimi decenni» La Procura sta coordinando i primi accertamenti avviati per fare luce sulle cause della voragine in via...