Bimbi vivaci si rifiutano di mettere la cintura: l’aereo inverte la rotta e torna a Olbia

Lite fra una hostess e la mamma dei bimbi irrequieti

Un aereo Volotea che lunedì pomeriggio è decollato dall’aeroporto «Costa Smeralda» di Olbia diretto a Roma Fiumicino, dopo 20 minuti di volo ha invertito la rotta ed è rientrato in Sardegna perché a bordo era scoppiata una lite fra una hostess e la mamma di due bimbi irrequieti che non volevano allacciare le cinture di sicurezza.

Pubblicità

All’atterraggio la donna – una turista sudamericana che aveva trascorso la vacanza in Gallura con i suoi due bambini di due e quattro anni – è stata accolta dagli agenti della Polizia di frontiera che, avvisati dal comandante dell’aereo Volotea, hanno sentito le diverse versioni dell’episodio e stanno procedendo con le indagini per valutare se per la passeggera si configuri il reato di interruzione di servizio di pubblica necessità. Con il rischio di una condanna a un anno di reclusione.

Intanto la compagnia aerea l’ha già inserita nella lista dei «passeggeri indisciplinati»: per il momento questo non comporterà nessuna conseguenza e la donna potrà continuare a viaggiare con Volotea. Il personale di bordo saprà però in anticipo di avere a che fare con una passeggera potenzialmente problematica, visto il precedente. Secondo una versione dei fatti i due bambini non volevano stare seduti ai loro posti con le cinture di sicurezza allacciate ed erano particolarmente vivaci.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Una hostess ha chiesto alla mamma di farli stare seduti e di allacciare le cinture, scatenando una accesa discussione, al culmine della quale la donna avrebbe scagliato lo smartphone contro l’assistente di volo. La donna, però, respinge questa ricostruzione. I fatti sono al vaglio della Polaria che, oltre alle due donne coinvolte, ha sentito alcuni testimoni e attende la relazione ufficiale del comandante dell’aereo Volotea che ha preso la decisione di fare dietrofront verso Olbia anziché proseguire per Roma.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Governo, il ministro Calderone: «Dichiariamo guerra al caporalato»

La prima strada che si intende percorrere per fermare la strage è l’aumento dei controlli L’orrore per la morte di Satnam Singh, il bracciante abbandonato...

Gruppo della Stadera: svelato il codice dello spaccio

La parola «Cosimino» indicava la cocaina, «Maria» la marijuana Nell’inchiesta che ha colpito il gruppo ribelle della Stadera, scissionista del clan Contini non sono inseriti...