Napoli, ferito in un agguato a Mergellina: 19enne deceduto dopo 11 giorni di agonia

Era un elemento di vertice del clan Calone-Marsicano-Esposito

E’ morto, nell’ospedale San Paolo di Napoli Antonio Gaetano, il 19enne vittima di un agguato scattato sul lungomare di Napoli, la notte del 12 marzo scorso, mentre era in auto. I sicari lo colpirono all’addome e alla testa, in una zona – quella degli chalet di Mergellina – non lontana da quella dove, nella notte tra domenica e lunedì scorsi, è rimasto ferito mortalmente Francesco Pio Maimone durante una lite tra due gruppi di giovani ai quali era del tutto estraneo.

Pubblicità

Secondo gli inquirenti, Gaetano era un elemento di vertice del clan Calone-Marsicano-Esposito del quartiere Pianura. Nell’agosto del 2022 rimase ferito a una gamba e a un piede durante un altro agguato. Lo scorso 2 marzo ignoti spararono diversi colpi d’arma da fuoco all’indirizzo della sua abitazione. Già al momento del ricovero in ospedale le sue condizioni erano apparse gravissime: ieri il decesso dopo undici giorni di agonia.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Terremoti ai Campi Flegrei, sfollate 39 famiglie. Approntate aree di accoglienza

Il prefetto: «Gran sinergia tra tutte le istituzioni» Continua nel territorio di Napoli il lavoro dei vigili del fuoco a seguito della serie di scosse...

Torre Annunziata, D’Avino: «Città vivibile e scuole primi obiettivi. Basta col clientelismo»

Il candidato sindaco di Oplonti Futura: «Da soli e senza "cambiali" da dover pagare» Quattro candidati sindaci, quattro schieramenti. Un esercito di candidati al consiglio...