Truffa sul bonus cultura: annullate tutte le misure cautelari

Lo scorso 7 febbraio furono disposti 5 arresti e 4 obblighi di dimora

Sono state tutte annullate, dai Tribunale del Riesame di Napoli (ottava sezione, presidente Vito Maria Giorgio Purcaro), le misure cautelari emesse nell’ambito delle indagini sulla cosiddetta truffa dei bonus cultura «18App». Lo scorso 7 febbraio il gip ha emesso nei confronti dei nove indagati, tra cui figurano i titolari di una libreria di Ercolano (Napoli), tre arresti in carcere, due arresti ai domiciliari, e quattro obblighi di dimora.

Pubblicità

Contestualmente la Guardia di Finanza aveva anche sottoposto a sequestro diversi beni riconducibili agli indagati. Il collegio difensivo, composto dagli avvocati Maurizio Capozzo e Bruno La Rosa, ha chiesto ai giudici la rivalutazione sotto il profilo amministrativo e non penale delle condotte contestate dagli inquirenti ai nove indagati. Le motivazioni della sentenza saranno rese note prossimamente.

Secondo gli investigatori tutte le persone coinvolte nell’indagine avrebbero illecitamente monetizzato i bonus cultura procurando un danno economico al Mibact quantizzato in oltre 2.850.000 euro.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Operaio morto alla Stellantis, oggi i funerali ad Acerra

Proclamato il lutto cittadino Si svolgeranno alle 10,30 nella chiesa di Sant’Alfonso ad Acerra (Napoli), i funerali di Domenico Fatigati, l’operaio 52enne morto giovedì nell’area...

Treno del Ricordo, Sangiuliano: «Restituisce finalmente visibilità alla tragedia delle foibe»

Il ministro: «Per decenni è stata una pagina di storia strappata» «Il viaggio di questo treno è un bellissimo progetto che sta unendo l’Italia nel...