Federproprietà Napoli

Spara in aria per sedare dissidi familiari: arrestato 22enne

Pubblicità

Nell’abitazione dell’indagato un ordigno esplosivo

I carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Napoli – Bagnoli hanno dato esecuzione all’ordinanza dispositiva degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica nei confronti di un 22enne del posto già noto alle forze dell’ordine.

Pubblicità Federproprietà Napoli

L’uomo è ritenuto gravemente indiziato dei reati di detenzione di un ordigno esplosivo artigianale, porto d’arma comune da sparo ed esplosione di colpi d’arma da fuoco. Le indagini condotte dai carabinieri e coordinate dalla locale Procura della Repubblica hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato per quanto accaduto lo scorso 4 maggio quando, nei pressi di una attività commerciale di viale Traiano, furono esplosi in aria diversi colpi d’arma da fuoco.

L’evento sarebbe riconducibile a dissidi familiari insorti poco prima tra due donne, parenti dell’indagato in quello stesso locale commerciale e, pertanto è possibile che l’accaduto sia riconducibile ad un intento intimidatorio. Le immediate indagini dei militari hanno anche permesso di rinvenire e sequestrare nell’abitazione dell’indagato un ordigno esplosivo ad alto potenziale offensivo.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Vertice Italia-Francia, Crosetto: «Totale intesa, costruire insieme una visione di sicurezza»

La prossima settimana potrebbe nascere il nuovo decreto aiuti all’Ucraina Una «totale collaborazione» con Parigi su moltissimi argomenti partendo dall’Ucraina fino al Mediterraneo allargato. L’intesa...

Giorgia Meloni: «Governare è una maratona, non servono misure spot»

Lo spread «sceso in cento giorni da 236 a 175 punti base» Governare l’Italia «è una maratona», non una corsa sprint. Giorgia Meloni quindi giura...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook